CCIR

È’ proseguita, anche nel periodo luglio-settembre 2017, la serie di risultati positivi registrati dall’industria manifatturiera della provincia di Cuneo: nel III trimestre 2017, infatti, la produzione industriale ha registrato un incremento del 3,2% rispetto all’analogo periodo del 2016, realizzando il dodicesimo

risultato positivo consecutivo, crescita migliore rispetto a quanto registrato a livello complessivo regionale (+2,7%).

Il III trimestre dell’anno evidenzia segnali positivi anche per gli altri indicatori congiunturali analizzati: i nuovi ordini crescono del 2,6% sul mercato interno e del 3,8% su quelli esteri, il fatturato complessivo migliora del 3,3%, con un risultato decisamente positivo per la componente estera (+9,0%).

“La fotografia del tessuto manifatturiero provinciale nel III trimestre conferma il trend positivo registrato negli ultimi tre anni, che vede le nostre imprese accrescere la presenza sui mercati, interno ed estero, nei diversi settori economici e nelle diverse classi dimensionali – sottolinea il presidente Ferruccio Dardanello -. Oggi è più che mai importante che le istituzioni siano al loro fianco, con politiche tese ad agevolarne il percorso di sviluppo. In questo ruolo la Camera di commercio si fa interprete dei bisogni delle Pmi in materia di digitalizzazione, con l’attivazione del Punto impresa digitale, di valorizzazione del territorio e promozione turistica in sinergia con gli attori locali, e di avvicinamento delle imprese alla realtà giovanile, con le iniziativa in tema di alternanza scuola-lavoro e di orientamento”.

Sono questi alcuni dei risultati emersi dalla 184ª “Indagine congiunturale sull’industria manifatturiera” realizzata da Unioncamere Piemonte in collaborazione con gli Uffici studi delle Camere di commercio provinciali. La rilevazione è stata condotta nei mesi di ottobre e novembre 2017 con riferimento ai dati del periodo luglio-settembre 2017, e ha coinvolto 1.269 imprese industriali piemontesi, di cui 181 cuneesi.

La dinamica positiva della produzione industriale ha coinvolto tutti i principali settori di attività, con un incremento del +13,9% delle industrie tessili, dell’abbigliamento e delle calzature. Le industrie metalmeccaniche hanno realizzato un ottimo +6,4%, seguite da quelle alimentari che si attestano a quota +2,8%. Chiudono le altre industrie manifatturiere con una sostanziale stabilità dei livelli produttivi rispetto all’analogo periodo del 2016 (+0,6%). 

 

Il III trimestre 2017 ha registrato variazioni positive della produzione industriale per tutte le classi dimensionali.  La performance migliore è stata quella delle imprese piccole (numero di addetti compreso tra le 10 e le 49 unità) che hanno riscontrato una crescita di produzione dell’8,0%. Le imprese più grandi (oltre 250 addetti) hanno registrato una crescita di produzione del 4,9%, seguono le aziende di medie dimensioni (50-249 addetti) all’1,0%. Chiudono le micro imprese (meno di 9 addetti) che registrano una leggera inflessione (-1,5%).