Zenit SGR resta dalla parte dell’economia reale sottoscrivendo la seconda emissione obbligazionaria di Essepi Ingegneria, Società attiva come operatore indipendente nel settore dell’efficientamento energetico, nella vendita e nel trading di Titoli di Efficienza Energetica.

 

Zenit SGR ha sempre creduto nella validità dei progetti di Essepi Ingegneria, tanto che già nell’aprile del 2015 aveva sottoscritto interamente il precedente minibond emesso dalla Società - il primo in Italia a godere della garanzia diretta del Fondo Centrale di Garanzia - per un valore pari a 2,2 milioni di Euro.

Il nuovo prestito obbligazionario, sottoscritto da Zenit SGR per un valore pari a 2,8 milioni di Euro, ha una durata di 6 anni e offre una cedola del 5,4%, con un profilo di rimborso del capitale di tipo amortizing. L’operazione è volta a raccogliere sul mercato la liquidità necessaria a sostenere e a proseguire gli investimenti per la costruzione di ulteriori 12 pale minieoliche in Sardegna, andando così ad ampliare il progetto iniziale che prevedeva 14 impianti presenti sempre sul territorio sardo.

“Da sempre, attraverso i nostri investimenti, cerchiamo di sostenere l’economia reale del nostro Paese e siamo orgogliosi di potere comunicare la sottoscrizione anche del secondo minibond emesso da Essepi Ingegneria - afferma Marco Rosati, Amministratore Delegato di Zenit SGR -. Pensiamo che i progetti della Società siano un esempio di eccellenza e di innovazione che sostengono lo sviluppo del territorio sardo, come testimoniato dalla garanzia offerta da SFIRS”.

“Con questa ulteriore operazione Zenit SGR si conferma come uno dei player più attivi sul mercato dei MiniBond con un portafoglio di otto investimenti e un rendimento medio del 5,4%. La nostra capacità è quella di individuare opportunità di investimento che garantiscano ai nostri investitori rendimenti interessanti con un profilo di rischio adeguato, ove possibile calmierato da un “set” di primarie garanzie - dichiara Giovanni Scrofani gestore del Fondo Minibond di Zenit SGR - I dossier attualmente al vaglio sono molti e a dimostrazione di questo nei prossimi giorni comunicheremo la chiusura di un’altra operazione”.