Unieuro ha annunciato l’acquisizione di un ramo d'azienda da Andreoli S.p.A., in concordato preventivo. Il ramo d'azienda è composto da 21 punti vendita diretti, situati prevalentemente in centri commerciali e di dimensioni comprese tra i 1.200 e i 1.500 mq. La catena acquisita opera

attualmente con il marchio Euronics nel Lazio meridionale, in Abruzzo e Molise, e ha realizzato nell'esercizio 2015 un fatturato retail di circa 94 milioni di Euro con marginalità positiva, occupando oltre 300 addetti.

 

I negozi saranno rilevati privi di magazzino e saranno sottoposti a un incisivo piano di rilancio, che prevedrà fin dalle prime settimane l’adozione del marchio Unieuro, il riallestimento degli spazi, il riassortimento di prodotti e l’adozione dei nuovi sistemi informativi, con l’obiettivo di raggiungere i target di fatturato (oltre 100 milioni di Euro a regime) e redditività attesi nell’arco di 18-24 mesi. n Giancarlo Nicosanti Monterastelli, amministratore delegato di Unieuro, ha dichiarato: “L’acquisizione dei negozi Andreoli rappresenta la terza maggiore acquisizione nella storia di Unieuro ed espande da subito del 12% la nostra rete di negozi diretti senza comportare sovrapposizioni significative.” “A pochi giorni dal debutto in Borsa, - ha aggiunto Nicosanti Monterastelli - Unieuro si conferma il principale consolidatore omnicanale dell’elettronica di consumo in Italia, capace di mobilitare risorse per la crescita esterna e ricoprire un ruolo da protagonista in un mercato altamente frammentato”. L’acquisizione del ramo d'azienda Andreoli è avvenuta a esito di partecipazione alla procedura competitiva indetta dal Tribunale di Latina ai sensi dell'art. 163 bis della Legge Fallimentare.

 

Il controvalore dell'operazione, avvenuta senza accollo di debiti finanziari e/o nei confronti dei fornitori, è pari a 12,2 milioni di Euro, di cui 3,9 milioni già versati sotto forma di cauzione e 8,3 da corrispondere a saldo al perfezionamento dell’operazione, previsto entro 30 giorni dall’aggiudicazione del compendio aziendale.L’operazione sarà finanziata ricorrendo alla liquidità disponibile e a linee di credito messe a disposizione da istituti finanziari.