Taglio del nastro martedì 10 ottobre a Trento, in località Spini di Gardolo, per la nuova sede che ospiterà una quarantina di lavoratori e 27 automezzi. Trasloco in un ampio spazio per servire i 13.500 clienti nelle province di Trento e Bolzano. Bofrost investe sul mercato del Trentino Alto Adige, dove

negli ultimi quattro anni ha fatto registrare un aumento del fatturato di 1,1 milioni di euro (+24,4%, con un fatturato 2016 di 4,5 milioni di euro). La filiale della più importante azienda italiana di vendita diretta di alimenti surgelati trasloca dalla storica sede di Lavis in un nuovo spazio, più ampio e moderno, in località Spini di Gardolo a Trento.

 

Commenta l’amministratore delegato di Bofrost Italia Gianluca Tesolin: «Bofrost è presente in Trentino Alto Adige da più di trent’anni e la vecchia sede era diventata ormai troppo angusta per seguire oltre 13.500 clienti nelle province di Trento e Bolzano, dal Lago di Garda fino al Brennero. Questo cambio di sede è una scelta strategica per supportare una filiale che, negli ultimi anni, ha fatto registrare una crescita notevolissima: +24,4%. Per noi il Trentino Alto Adige è un mercato importante e abbiamo investito in un nuovo spazio che ospiterà una quarantina di persone».