CCIR

«Oggi per un’impresa è fondamentale adottare una strategia che sappia conciliare gli obiettivi economici con quelli sociali e ambientali del territorio di riferimento. Responsabilità ambientale e impegno sociale sono quindi due punti chiave della nostra politica interna, alla

base di ogni nostra azione» dichiara Cristian Bergamaschi, Responsabile Amministrativo e Finanziario di Dorelan.

Dorelan, azienda forlivese leader da quasi 50 anni nella produzione di sistemi letto, porta avanti da anni, concretamente e con costanza, questo suo impegno, anche grazie al coinvolgimento diretto e attivo dei dipendenti; una scelta che ha contribuito ad aumentare il fatturato (previsioni 2017: oltre i 44 milioni di euro, con una crescita media del 6,5% negli ultimi 5 anni) e che ha generato anche nuove assunzioni (dipendenti: 180).

L’ultimo traguardo in tal senso è rappresentato dall’ottenimento della Certificazione di servizio su disciplinare Dorelan “Garanzia di Igiene per Materassi e Guanciali” rilasciata dal prestigioso Ente Bureau Veritas. Prima azienda italiana del settore bedding a ottenere il prezioso riconoscimento, Dorelan può così garantire caratteristiche igieniche ottimali dei suoi prodotti in tutte le fasi del ciclo produttivo: dagli approvvigionamenti ai processi di produzione e trasformazione, fino al confezionamento, alla spedizione e alla consegna.

«Per un'azienda come Dorelan ricevere la certificazione di conformità della propria produzione al disciplinare "Garanzia di Igiene per Materassi e Guanciali" significa aver fatto una scelta volta a garantire un più elevato standard igienico ai propri consumatori, attraverso la differenziazione delle caratteristiche del processo rispetto agli standard del mercato di riferimento» afferma la Dottoressa Gabriella Guenzi, Sales Manager dell'Ente di Certificazione Bureau Veritas Italia. «La certificazione ottenuta consente a Dorelan di dimostrare la propria capacità di fornire prodotti attraverso un processo con caratteristiche definite e di mantenerle nel tempo. Questa scelta rappresenta una dimostrazione di forza, solidità e visione a lungo termine che il “cliente finale” è normalmente pronto a riconoscere in modo significativo» conclude la Guenzi.

«Questa importante certificazione, di cui oggi riceviamo l’attestato, è parte di un percorso che abbiamo intrapreso a gennaio 2017 con l’ingresso nell’Osservatorio sulla Green Economy (GEO - Green Economy Observatory) dello IEFE - Università Bocconi di Milano, che ci ha consentito, con l’affiancamento di un loro esperto qualità e ambiente, di analizzare e alimentare le nostre strategie di impresa, soprattutto gli aspetti gestionali e di prodotto in chiave Green Economy» precisa Cristian Bergamaschi. «In particolare, stiamo monitorando l’impatto ambientale dell’intero ciclo di vita delle nostre principali linee di prodotto» prosegue Cristian Bergamaschi.

A questo proposito, Dorelan sta portando avanti il progetto LCA (Lyfe Cycle Assessment), lo strumento utilizzato per analizzare l’impatto ambientale di un prodotto lungo tutto il suo ciclo di vita. «Investire nella Life Cycle Assessment è garanzia di un dichiarato impegno da parte di Dorelan verso la qualità ambientale e un consumo sostenibile delle risorse. L'analisi LCA permetterà a Dorelan di presentarsi con trasparenza al mercato, fornendo ai clienti e a tutti gli stakeholder informazioni chiare e attendibili circa l'impronta ambientale dei propri prodotti. La metodologia LCA consentirà l'individuazione degli aspetti positivi ma fornirà anche spunti per il miglioramento dell'impatto ambientale, utili a perseguire una strategia orientata a coniugare sostenibilità e competitività» dichiara il Professor Fabio Iraldo, ricercatore dello IEFE – Università Bocconi e docente presso il Dipartimento di Management e Tecnologia della Scuola Universitaria Superiore Sant’Anna di Pisa.

Responsabilità ambientale, quindi, ma anche impegno sociale. Per questo Dorelan adotta politiche legate al territorio volte a valorizzare le risorse umane e a contribuire allo sviluppo della comunità locale. Da qui, la nascita del progetto “I’m a Dreamer”: «In Dorelan crediamo fortemente nella sinergia tra aziende del territorio ed enti come le scuole e le cooperative onlus, così come crediamo nel futuro e nella creatività dei più giovani» sottolinea il Presidente Dorelan Pietro Paolo Bergamaschi.

 

Le collaborazioni più recenti sono state due. La prima con l’Istituto Tecnico “Saffi/Alberti” ad indirizzo Moda di Forlì, a cui Dorelan ha fornito materiali in esubero che saranno utilizzati dalla scuola per creare dei prototipi legati al design e alla moda; la realizzazione dei prodotti finali vedrà, poi, la collaborazione della Onlus Tangram (parte del progetto Cavarei) di Forlì, che dà lavoro a ragazzi con disabilità. Infine, il secondo progetto vede interessato l’Istituto di ragioneria ITE “Matteucci” di Forlì: qui, le classi quinte ad indirizzo marketing sono state coinvolte nella preparazione di una possibile linea guida da seguire, dopo aver analizzato le informazioni sulle attività di Dorelan e in seguito anche ad un attento screening della comunicazione sociale e green svolta dalle altre aziende.