Il Centro Analitico di Informazioni e Credito presso l’Associazione delle Banche dell’Uzbekistan e l’Istituto di Credito CRIF hanno firmato un accordo. Il partner italiano contribuirà a sviluppare l’infrastruttura finanziaria del paese, mirando a semplificare l’accesso

delle persone fisiche e giuridiche ai fonti di credito. “La CRIF acquista il 35% del capitale sociale dell’ufficio crediti dell’Uzbekistan e le agenzie di credito di due paesi costituiranno una società mista”, ha commentato il Direttore Generale dell’Associazione delle Banche dell’Uzbekistan Bakhtiyar Hamidov durante la conferenza stampa.

Secondo il Dirigente dell'Associazione, l'Uzbekistan ha bisogno di una valutazione corretta delle condizioni finanziarie per aumentare il flusso di investimenti diretti nel paese. È necessario aumentare la presenza degli investimenti privati, per ora la maggior parte degli investimenti attirati è di livello governativo.

Nel marzo 2016, Il Centro Analitico di Informazioni e Credito con l'assistenza tecnica del Gruppo della Banca Mondiale ha costituito la Commissione per la selezione di un partner tecnico straniero al fine di stabilire una cooperazione strategica. La CAIC è stata assistita dalla Società Finanziaria Internazionale (IFC), membro del Gruppo della Banca Mondiale nella scelta del partner.

Al termine della selezione, il 30  novembre 2016, è stato determinato il vincitore – una società italiana CRIF (Centrale Rischi Finanziari S. p. A.) che fornisce supporto all'erogazione e alla gestione del credito, offrendo informazioni di referenza creditizia per la previsione e il controllo dei rischi finanziari.

Dopo un anno di trattative, le parti hanno deciso di firmare un accordo su licenze, servizi e una serie delle condizioni preliminari per l’acquisizione parziale del capitale sociale dell’ente creditizio da parte della società italiana.

Inoltre, l'Associazione delle banche e la Società Finanziaria Internazionale hanno firmato un memorandum sulla  cooperazione. Secondo il documento, le parti continueranno a sostenere la costituzione della società da parte della CRIF e l’Ufficio di credito dell'Uzbekistan.

“L’IFC ha assistito il processo di selezione dei partner, assisteremo anche nella costruzione di una nuova società, presteremo l’assistenza tecnica per migliorare l'ambiente d’affari in paese. Se sarà necessario, potremo aiutare a migliorare la situazione normativa. Questo dipenderà dal tipo di problemi che si manifesteranno per gli investitori privati operanti in Uzbekistan. Li valuteremo tutte e consiglieremo i partner locali come miglioramento delle condizioni”, ha commentato il rappresentante dell’IFC Mai Nguyen .

“La CRIF fornirà una gamma di strumenti e servizi ai risk manager che lavorano nel settore bancario. Si presume che la CAIC diventerà un hub principale, contenente tutte le informazioni sulle attività del settore bancario e finanziario. Il rafforzamento dell’automazione dei processi durante la cooperazione porterà anche a riduzione dei costi del settore bancario. Un aspetto importante dell’intesa è che il CRIF come partner non collaborerà solo con agenzie di credito, ma lavorerà anche con banche commerciali, contribuendo il loro sviluppo”, - ha affermato Fabrizio Fraboni, il principale esperto nel settore finanziario del Gruppo Banca Mondiale.