Aerolineas Argentinas, in collaborazione con Aeroporti di Roma, hanno inaugurato a Fiumicino il potenziamento delle rotte che collegano l’Italia con il paese sudamericano. Con il decollo dall’aeroporto Leanardo Da Vinci, verso quello di Ezeiza, ha preso il via con i nuovi A330 una importante operazione:

si tratta della prima fase di quello che sarà un vasto piano di potenziamento della presenza del vettore argentino sul mercato italiano, che prevede un incremento delle rotte fino ad arrivare a luglio al collegamento giornaliero proprio tra Roma e Buenos Aires. “Siamo entusiasti di questo momento – ha commentato Claudio Neri, direttore generale di Aerolíneas Argentinas in Italia – dopo tanti anni di lavoro nell’aviazione civile, emozionarsi ancora rappresenta qualcosa di straordinario. Abbiamo lavorato tanto e i risultati di questo primo quadrimestre sono stati ottimi, con le prenotazioni e le vendite per il futuro che hanno un trend di crescita costante; ora operiamo una rotta così importante con gli aeromobili più moderni della nostra flotta, ampliando la nostra offerta in Italia”.

Da un paio di settimane l’Aerolineas Argentinas ha cambiato aereo, sulla Buenos Aires – Roma Fiumicino, il quadrigetto A340/300 è stato sostituito da un bigetto A330/200. Una maggiore efficienza ed un miglioramento in termini di prodotto. La clientela oltre ad avere una proposta migliore sul volo, allo stesso tempo vedrà’ ridursi, rispetto al passato, il tempo di volo. Un aumento anche delle frequenze che da 4 passeranno a 7 gradatamente tra oggi e luglio. L’aereo offre 265 posti totali. Dei quali 22 in business class e 243 in economica. Nuovi IFE con schermi in ogni posto in entrambe le classi con un offerta molto importante per la disponibilità di contenuti di intrattenimento.

E se i passeggeri che hanno volato in Economy hanno potuto sperimentare il sistema di intrattenimento di bordo Bravo, con 40 film e oltre 400 episodi delle principali serie tv,  i clienti Business hanno avuto l’opportunità di provare le poltrone Lie Flat, studiate per offrire la massima comodità. Entrambe le cabine, illuminate dal sistema Mood Lighting, sono state modulate con giochi di luce differenti e variabili per ogni fase del volo. Tutto nuovo e non solo l’aereo, ha commentato Marco Gobbi di Aeroporti di Roma. “La compagnia di bandiera argentina ha lasciato il satellite d’imbarco F, ed ora a Roma viene collocata al nuovissimo molo E, una struttura avveniristica recentemente completata che pone lo scalo romano all’avanguardia tra i più importanti Hub del mondo”.

 

In questo contesto si è sviluppato l’evento, nel corso del quale, sono stati sottolineati gli sforzi sul tema dell’aumento dell’offerta, grazie alle relazioni che intercorrono tra i due paesi. La recente visita del Presidente Mattarella ha avuto anche questo risvolto, consolidando i moltissimi legami esistenti tra Argentina e Italia, da quando molti lasciarono questo paese per quella terra lontana, dove alla ricerca di fortuna hanno contribuito alla crescita di quella grande nazione, come ha anche confermato il Ministro dell’Ambasciata Argentina a Roma, Marcelo Gilardoni, presente anche lui al taglio del nastro. Questa iniziativa si pone in un momento, dove il traffico riveste volumi sempre più  importanti, in moltissimi settori, da quello turistico, etnico e di affari, in entrambe le direttrici, e questo potenziamento non può che giovare ai reciproci rapporti.