Un totale di 221 minibond quotati sul Mercato ExtraMot Pro chiude un anno proficuo per questo segmento; soprattutto nel mese di Dicembre sono state diverse le piccole e medie aziende a emettere minibond: dalla società vicentina produttrice di giostre, la Zamperla Spa, a Wolfstank System che

il 23 Dicembre ha quotato 5 milioni di euro di minibond (sono per citarne alcune). Un trimestre conclusivo che ha mantenuto il trend positivo dell’intero anno.

Tutti i dettagli delle emissioni degli ultimi tre mesi sono riportati nell’ultimo Barometro Minibond: Market Trend redatto da MinibondItaly.it ed EPic Sim Spa. In particolare, i principali trend evidenziati:  Raggiunto il numero di 221 emissioni sul mercato ExtraMOT Pro per un controvalore superiore a €8,6 Mld; In riferimento alle emissioni di taglio inferiore a €50M in questo quarto trimestre si è osservato un numero di emissioni e dei volumi in linea con il trimestre precedente

Continua costante il trend di riduzione del taglio medio (8,4 M€ al 31.12.2016), della cedola media (5,34% al 31.12.2016) della maturity media (5,5 anni al 31.12.2016); Incremento del settore Industrial e del Construction per effetto dell'emissione di ICM S.p.a. con un controvalore pari a €24 M; Permane una spiccata concentrazione delle emissioni nelle regioni del Nord Italia; Cresce il numero di emissioni da parte di società che avevano già fatto ricorso allo strumento minibond. In questo ultimo trimestre si segnalano le emissioni di Ferrarini S.p.a., IMI Fabi S.p.a, Boni S.p.a., Faro Soc. Coop. Agricola e Gruppo PSC S.p.a.

 

L’identikit aggiornato del minibond sotto €50 M è il seguente: Taglio medio €8,4 M. Scadenza media: 5,5 anni. Struttura del rimborso: 46% bullet (tutto a scadenza) / 54% con piano di ammortamento. Cedola media annua: 5,34%. Fatturato medio emittente: €100,2 M