Gruppo DADA ha chiuso i primi 9 mesi del 2017 con Ricavi consolidati pari a 50,9 milioni di Euro, in crescita del 7% rispetto ai 47,7 milioni di Euro conseguiti nei primi nove mesi del 2016. L’andamento dei Ricavi nel periodo riflette, oltre all’evoluzione organica del business, da un lato la

dinamica dell’apprezzamento dell’Euro nei confronti della Sterlina che incide negativamente nei nove mesi per circa 2,0 milioni di Euro rispetto al pari periodo del precedente esercizio, e dall’altro il consolidamento dei risultati di Sfera a partire dal 1 luglio 2016 che contribuisce per 1,4 milioni di Euro ai Ricavi dei primi nove mesi del 2017. Al netto di questi effetti, la crescita dei Ricavi consolidati rispetto al pari periodo del precedente esercizio sarebbe risultata pari all’8%.

L’apporto del comparto estero al fatturato consolidato si è attestato al 52%, in leggero calo rispetto a quanto rilevato nel pari periodo dell’esercizio precedente quando era stato pari al 55% (perlopiù a causa del deprezzamento della Sterlina e del contributo di Sfera ai ricavi domestici), confermando pertanto il peso preponderante delle attività internazionali allo sviluppo complessivo del Gruppo.

Il Margine Operativo Lordo consolidato conseguito nei primi nove mesi del 2017 è stato positivo per 9,8 milioni di Euro riportando una marginalità del 19% sul fatturato consolidato. L’aggregato registra una crescita del 19% rispetto al pari periodo anno precedente, quando era stato pari a 8,2 milioni di Euro (marginalità del 17%).

L’andamento del Margine Operativo Lordo riflette, così come già evidenziato per i Ricavi, da un lato la dinamica sfavorevole dell’apprezzamento dell’Euro nei confronti della Sterlina, che incide negativamente per circa 0,4 milioni di Euro rispetto al pari periodo del 2016 e dall’altro il consolidamento dei risultati di Sfera Networks S.r.l. a partire dal 1 luglio 2016, che hanno contribuito positivamente per 0,4 milioni di Euro.

Analizzando gli impatti dei principali aggregati per linea di conto economico si segnala che:  le Spese per Servizi nei primi nove mesi del 2017 ammontano a 27,5 milioni di Euro, in crescita del 3% rispetto all’analogo periodo del precedente esercizio, quando erano state pari a 26,6 milioni, con un’incidenza sul fatturato che si è ridotta dal 56% (dal 54%).