In un anno cruciale per gli ETF e l’indicizzazione, la divisione di iShares di BlackRock Inc.’s (NYSE: BLK), si è espanso a un ritmo più veloce che mai, con afflussi da record pari a 246 miliardi di dollari, portando per la prima volta il settore globale degli ETF a un patrimonio gestito

complessivo (AUM) pari a oltre i 4,5 trilioni di dollari. La crescita di iShares è stata favorita dall’incremento di interesse da parte degli investitori alla ricerca sia di investimenti core di qualità, sia di esposizioni a fondi più mirati, che offrono nuove modalità innovative di accesso ai mercati.

Momenti chiave nel 2017 per iShares: L’AUM di iShares ha chiuso l'anno a quota 1,754 trilioni di dollari, fra cui 1,33 trilioni di dollari in azioni e 427 miliardi di dollari in titoli a reddito fisso e afferenti alle materie prime.

iShares negli Stati Uniti ha messo a segno una crescita record, con afflussi netti pari a 201 miliardi di dollari.  Gli investitori e consulenti finanziari statunitensi hanno registrato una crescita eccezionale quest’anno, in quanto il passaggio alla gestione patrimoniale a pagamento ha incoraggiato l’impiego di strumenti con portafogli a basso costo.  Gli istituzionali hanno incrementato l’utilizzo di ETF iShares trasversalmente alle classi di attività nonché nei portafogli tattici e di buy-and-hold.

Gli European UCITS iShares, acquistati da investitori europei, asiatici e latinoamericani, hanno assistito a una crescita organica del 15%, registrando un record di afflussi netti pari a 41 miliardi di dollari.  Quest’anno, iShares Europa ha superato i 300 miliardi di dollari di AUM, chiudendo l’esercizio a quota 359 miliardi di dollari.

Gli ETF iShares a reddito fisso hanno tratto beneficio dal fatto che un numero crescente di investitori considera gli ETF obbligazionari come parte integrante di un portafoglio obbligazionario moderno.  L’impiego di ETF obbligazionari in qualità di strumenti di negoziazione si è ampliato poiché i mercati obbligazionari hanno continuato a evolversi dal trading esclusivamente over-the-counter, alla negoziazione per il tramite di intermediari fino a reti più aperte di tipo “all-to-all”. Gli afflussi netti dei prodotti iShares a reddito fisso è cresciuta a un ritmo del 13%, con oltre 68 miliardi di dollari di nuovi afflussi.  Gli ETF obbligazionari sono sul punto di raggiungere gli 1,5 trilioni di dollari entro il 2022.

I fondi globali iShares Core sono passati da 500 miliardi a 514 miliardi di dollari di AUM, con un ritmo di crescita del 58%, con l’aggiunta di un record di 123 miliardi di afflussi netti globali, ascrivibile alla ricerca di valore e qualità da parte degli investitori retail e istituzionali per le proprie posizioni a lungo termine nei fondi. Negli Stati Uniti, l’iShares Core ha incrementato la propria quota di mercato portandola al 41%, totalizzando 105 miliardi di dollari di afflussi durante l’anno.

La gamma iShares Core ha raccolto 273 miliardi di dollari dal lancio della gamma di prodotti risalente al 2012.

Le istituzioni hanno continuato a potenziare l’utilizzo di ETF iShares come strumenti finanziari, accanto a swap, futures e titoli single-name, nonché come asset di riferimento per i derivati quotati e OTC.

iShares ha continuato a essere leader di mercato di prodotti fattoriali e smart beta, in quanto, a livello globale, gli investitori tendono a considerare l’approccio fattoriale una strategia più deliberata nei portafogli. Attualmente, iShares vanta una gamma globale di 142 ETF smart beta con un AUM di punta, pari a 108 miliardi dollari.