L’Assemblea Ordinaria degli Azionisti ha deliberato: l’approvazione del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2017 di Eni S.p.A. che chiude con l’utile di 3.586.228.088,80 euro; l’attribuzione dell’utile di esercizio di 3.586.228.088,80 euro, che residua in 2.145.772.035,60 euro dopo la

distribuzione dell’acconto sul dividendo dell’esercizio 2017 di 0,4 euro per azione deliberato dal Consiglio di Amministrazione del 14 settembre 2017, come segue: alla riserva di cui all’art. 6, comma 2 del D.lgs. 28 febbraio 2005 n. 38, quanto a 27.762.774,05 euro; agli Azionisti a titolo di dividendo l’importo di 0,4 euro per ciascuna delle azioni che risulteranno in circolazione alla data di stacco cedola, escluse le azioni proprie in portafoglio a quella data, e a saldo dell’acconto sul dividendo dell’esercizio 2017 di 0,4 euro per azione. Il dividendo relativo all’esercizio 2017 si determina pertanto tra acconto e saldo in 0,8 euro per azione; il pagamento del saldo dividendo 2017 di 0,4 euro per azione il 23 maggio 2018, con data di stacco il 21 maggio 2018 e “record date” il 22 maggio 2018; l’utile dell’esercizio residuo è attribuito alla riserva disponibile; il conferimento dell’incarico di revisione legale 2019-2027 alla società PricewaterhouseCoopers S.p.A.