Un luogo d’incontro dove i cittadini possono condividere idee, creare e fruire contenuti, navigare, informarsi sulle novità e sulle attività della città, attraverso le nuove tecnologie web del cloud computing. È l’identikit dello Smart node, un’installazione urbana interattiva ideata dall’ENEA nell’ambito del

progetto “City 2.0” finanziato dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca con l’obiettivo di sviluppare soluzioni intelligenti per l’efficienza dei servizi urbani come illuminazione ed edifici pubblici, mobilità sostenibile e monitoraggio della qualità dell’aria.

Installato presso lo Smart Village del Centro Ricerche Casaccia dell’ENEA, ne diverrà presto il cuore tecnologico ed aggregativo con la possibilità di ricevere e condividere informazioni, foto e video come in una piazza virtuale di una città del futuro non troppo lontano.Tecnologia: arriva "Smart node" per una nuova interattività urbana Lo Smart node è articolato in tre ambienti funzionali che ospitano applicazioni software sviluppate dagli esperti ENEA: “Creative swarm” dedicata all’elaborazione “creativa” di nuovi contenuti che, grazie all’interfaccia multitouch screen, permette a più utenti di navigare nel database semplicemente manipolando delle keyword sullo schermo; “Community exhibition”, dedicata all’esposizione dei contenuti secondo playlist preconfigurate anche con eventi espositivi dedicati; “City sense”, che monitora in tempo reale come si muove la comunità attraverso 5 monitor live con social media e portale web. Tecnologia: arriva "Smart node" per una nuova interattività urbanaTecnologia: arriva "Smart node" per una nuova interattività urbana

Lo Smart node è stato tra i tour con maggiore successo di pubblico durante il recente Open Day della Ricerca all’ENEA e sarà oggetto di sperimentazione come elemento fondamentale della città del futuro per promuovere la partecipazione attiva dei cittadini e recuperare identità sociale, senso di appartenenza e memoria.

“Lo smart node rappresenta un passo concreto nella roadmap verso la smart city con l’obiettivo di plasmare sempre più la città sui bisogni delle persone, per rispondere all’esigenza delle risorse on demand grazie alla flessibilità dei suoi servizi. È un luogo che accoglie il cittadino, ma al contempo lo rimanda ad altri luoghi sia virtuali, come quelli della rete, che fisici, come quelli della città”, sottolinea Claudia Meloni della Divisone Smart Energy dell’ENEA.

 

Curato nel design dalla “4M Engineering” e realizzato dalla “Steel Living”, giovani aziende italiane, Smart Node rappresenta la parte fisica della Social Urban Network (SUN), un’infrastruttura tecnologica che abbina componenti virtuali sul web (social network, portale e app) a installazioni interattive ed eventi reali nel quartiere, per favorire l’interazione tra gli utenti e il loro senso di appartenenza alla comunità. Un enorme database che raccoglie i contenuti da web, Facebook e Twitter e li rende disponibili tramite web service ad altre applicazioni remote.