Nel 2017 il valore delle esportazioni cuneesi di merci si è attestato a 7,7 miliardi di euro, registrando un aumento del 10,4% rispetto al 2016.  Prendendo in esame le singole performance trimestrali si osservano risultati positivi in tutti i periodi dell’anno: all’aumento tendenziale del 13,5% del I trimestre 2017 è

seguito quello del 7,3% del periodo aprile-giugno, ancora di segno più il terzo trimestre (11,1%) così come il quarto (9,7%).

Il valore delle importazioni di merci è stato pari a 4,1 miliardi di euro, in aumento rispetto all’anno precedente (+1,8%).  La provincia di Cuneo evidenzia una crescita delle merci esportate rispetto alle merci importate: questo porta il saldo della bilancia commerciale a 3,5 miliardi di euro, un risultato migliore di quanto realizzato nel 2016 (+2,9 miliardi di euro).

Dopo anni incerti, il cuneese mette a punto un’ottima performance annuale dell’export che si allinea a quanto realizzato a livello regionale, dove la crescita delle vendite oltre confine è stata del +7,7%.  Cuneo continua a confermarsi, dopo Torino (che detiene una quota del 46,2%), la seconda provincia esportatrice del Piemonte, generando il 16,0% del valore delle vendite regionali all’estero. Per quanto concerne il dato nazionale, si registrano incrementi delle vendite sui mercati esteri più contenuti per le regioni nord occidentali (+7,6%), centrali (+7,0%), nord orientali (+6,6%), e meridionali (+2,8%), mentre l’area insulare evidenzia una crescita particolarmente elevata (+29,4%) determinata dall’aumento delle vendite di prodotti petroliferi raffinati.