Sono poco meno di 61.900 le immatricolazioni di Fiat Chrysler Automobiles in Europa a settembre, per una quota del 5,5 per cento. Dopo la sostenuta crescita delle registrazioni in luglio e agosto, dove FCA aveva registrato un forte aumento rispettivamente del 17,2 e 38,9 per cento,

le immatricolazioni a settembre – in relazione all’introduzione della norma WLTP e all’obbligo di immatricolare esclusivamente Euro 6C e 6D temp – hanno subito una conseguente e prevista compensazione. Nel complesso, nel terzo trimestre dell’anno FCA ha registrato un incremento della quota di 0,1 punti percentuali (da 6,2 a 6,3) e una crescita dei volumi di 2,7 punti percentuali. Nel progressivo annuo, invece, le vendite di FCA sono quasi 825.400, per una quota al 6,7 per cento. Tra i marchi da segnalare le crescite nell’anno di Jeep (+66,8 per cento, miglior risultato tra i costruttori) e Alfa Romeo (+7,6 per cento). 500 e Panda dominano le immatricolazioni del segmento A: insieme detengono nell’anno una quota vicina al 28 per cento del mercato. Risultati positivi nel progressivo annuo anche per 500X (le cui vendite crescono del 9,6 per cento) e della Stelvio (+120,2 per cento)