Volvo Cars ha acquisito una quota di partecipazione nella società specializzata in sistemi di ricarica di auto elettriche FreeWire Technologies attraverso il Tech Fund, rafforzando il suo impegno a realizzare un futuro elettrico al 100%.

Mentre la strategia di elettrificazione di Volvo Cars non prevede la proprietà diretta di stazioni di servizio o punti di ricarica, l’investimento in FreeWire rafforza l’impegno complessivo della Casa automobilistica a promuovere una transizione diffusa verso la mobilità elettrica insieme ad altri partner.

FreeWire è una società con sede a San Francisco che ha svolto il ruolo di pioniere della tecnologia di ricarica rapida flessibile per le vetture elettriche. È specializzata in tecnologia di ricarica veloce fissa e mobile che consente l’installazione rapida e su ampia scala di soluzioni di ricarica per vetture elettriche.

L’installazione di stazioni di ricarica rapida fisse di tipo tradizionale costituisce in genere un processo costoso e ad elevato impiego di manodopera che richiede una serie di potenziamenti a livello elettrico a supporto del collegamento fra le stazioni di ricarica e la rete elettrica principale. Le stazioni di ricarica di FreeWire eliminano questa complicazione e utilizzano un’alimentazione a bassa tensione, consentendo ai gestori di usare semplicemente le prese di corrente esistenti. Ciò consente agli automobilisti di godere di tutti i vantaggi della ricarica rapida senza costringere i gestori ad affrontare tutti i problemi legati alla realizzazione di un collegamento ad alta tensione alla rete elettrica.

Volvo Cars vanta una delle strategie di elettrificazione più ambizione del settore auto. Ogni nuova Volvo lanciata a partire dal 2019 sarà elettrificata ed entro il 2025 la Casa ha l’obiettivo di realizzare fino al 50% di tutte le vendite a livello globale con le auto esclusivamente elettriche.

Il Tech Fund di Volvo Cars è stato lanciato all’inizio di quest’anno e punta a investire in start-up tecnologiche ad alto potenziale operanti in tutto il mondo. I suoi investimenti si concentrano principalmente sulle tendenze tecnologiche strategiche in grado di trasformare l’industria automobilistica, come ad esempio l’intelligenza artificiale, l’elettrificazione, la guida autonoma e i servizi digitali per la mobilità.

All’inizio dell’anno, il Tech Fund di Volvo Cars ha annunciato il suo primo investimento in Luminar Technologies, una start-up di punta nello sviluppo di tecnologia dei sensori avanzata da utilizzarsi nei veicoli con guida autonoma, con cui Volvo Cars collabora per lo sviluppo e il collaudo della sua tecnologia di rilevamento LiDAR su vetture a marchio Volvo.

II vantaggio che le aziende traggono dalla partecipazione al Tech Fund di Volvo Cars si concretizza nella possibilità di convalidare alcune tecnologie, accelerarne l’introduzione sul mercato e, potenzialmente, accedere alla rete globale di Volvo Cars e alla sua posizione unica sul mercato automobilistico cinese.