La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

CCIR

I TWEET

Il Ministero della Famiglia, del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato un regolamento finale sul salario minimo del 2018, dal quale risulta che questo sarà di 2.100 złoty lordi (circa 500 euro), mentre un’ora di lavoro dovrà essere retribuita con almeno 13,7 złoty lordi (circa 3,3 euro).

La decisione rappresenta un aumento rispetto ai 2.080 złoty e ai 13,5 złoty che erano stati stabiliti dal governo lo scorso mese. L’innalzamento è il risultato di un accordo con i sindacati e con il Consiglio per il dialogo sociale.

 

Si stima che 1,4 milioni di lavoratori beneficeranno dell’aumento del salario minimo, mentre circa 1,9 milioni di aziende dovranno aumentare i costi di lavoro. Allo stipendio minimo sono legate anche le retribuzioni per sacerdoti e detenuti, oltre che i contributi e le prestazioni di assistenza: sulla base di questo conto, il Ministero ha calcolato che le entrate del bilancio statale 2018 saranno inferiori di 164 milioni di złoty.   (ICE VARSAVIA) 

EN IT