CCIR

I TWEET

Il settore del commercio in Colombia ha sperimentato negli ultimi anni una trasformazione dovuta all’introduzione di nuove tendenze di consumo, che hanno permesso la comparsa dei supermercati Hard Discount, il cui numero si è duplicato in meno di 2 anni e a cui -secondo la società di consulenza Nielsen- convergono il 15%

dei consumatori del Paese. Con la finalità di contenere l’espansione di tali supermercati nel Paese, le grandi catene di distribuzione della GDO colombiana hanno adottato altre strategie di marketing come la formula distributiva di beni di consumo a utenti professionali muniti di partita Iva, conosciuta come Cash & Carry. Affermatasi in Germania nel 1964, questa formula è molta diffusa tra gli esercizi commerciali che la utilizzano per approvvigionarsi con prodotti convenienti e di qualità facendo a meno degli intermediari e dei fornitori tradizionali. Sempre secondo l’agenzia Nielsen, il ricorso a questi canali di distribuzione per l’acquisto e consumo di beni e servizi su larga scala da parte delle famiglie colombiane -rapportata ad altri paesi della regione come il Brasile, il Messico e l'Argentina- è comunque esigua, poiché tali acquisti rappresentano appena il 2% del loro budget di spesa, incentrato principalmente sull'approvvigionamento di beni e servizi da negozi, bar, alberghi e ristoranti. In Brasile, si stima che il 55% delle famiglie utilizza le strutture Cash & Carry -che rappresentano il canale distributivo più diffuso, con 550 locali sparsi su tutto il territorio- per fare i propri acquisti, con un esborso in media di circa 40 USD per ogni spesa. In Argentina, il 30% delle famiglie -con un risparmio del 25% rispetto ad altri canali distributivi- realizza una volta al mese i propri acquisti presso i Cash & Carry, che fatturano in generi alimentari un 40% in più rispetto agli ipermercati. Pertanto, si intuisce che anche in Colombia ci sono buone prospettive di ampi margini di crescita per gli acquisti presso i Cash and Carry. Attualmente le catene di Cash and Carry Pricesmart, Alkosto e Makro posseggono nel Paese 41 punti vendita a cui si recano il 22% delle famiglie colombiane per le compere, spendendo una media di 62 USD ogni 98 giorni. (ICE BOGOTÀ)

 

 

EN IT