La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

CCIR

I TWEET

Secondo #Aci servono 5,6mld di euro in più ogni anno per la manutenzione delle #strade provinciali… https://t.co/WCHGUmiRHB
Perizie #immobiliari: Italia sempre più all’avanguardia in Europa https://t.co/njWk1lgtFM’avanguardia-in-europa.html di @TribunaEconomic
Shopping online libero: addio a blocchi geografici e reindirizzi automatici https://t.co/gxKDXZDHuR

Nel mese di settembre il salario mensile medio lordo ha raggiunto 580 euro (450 netti), segnando un aumento del 6,7% su base annua. L'aumento è dovuto maggiormente al settore pubblico. Nel terzo trimestre i salari lordi medi raggiungono 571 euro, che è del 7,7% in più rispetto al periodo luglio-settembre 2017. La regione di Yambol si

distingue nel terzo trimestre con il salario medio in più rapida crescita nel paese. La base è bassa, ma l'aumento del 14,5% genera  un importo di 460 euro al mese. La crescita è visibile nelle regioni di Sofia (+13,3%), Kardzhali (+13,2%) e Pernik (+12,8%). Gli stipendi più alti e gli unici che superano la media si registrano nella capitale – 769 euro. Per il secondo trimestre consecutivo la regione di Blagoevgrad segna i più bassi tempi di crescita - 4,9 % su base annua e lo stipendio medio lordo è di 378 euro al mese. Alla fine di settembre il numero degli assunti a contratto di lavoro aumenta di quasi 7 mila persone su base annua. Questo è dovuto al maggior numero di assunti nelle costruzioni, nel settore ICT e nell’istruzione. La crescita si concentra soprattutto a Sofia, Plovdiv e nelle regioni circostanti. Le regioni di Burgas e Silistra registrano il calo più significativo rispetto a settembre 2017. (ICE SOFIA - www.capital.bg)

 

 

EN IT