Il Gruppo Montepaschi presenta la Dichiarazione Non Finanziaria (DNF) del 2020. Nel difficile contesto della crisi pandemica da COVID-19, la predisposizione della DNF ha rappresentato per il Gruppo l’occasione per rimettere a fuoco le priorità e riorganizzare le attività

tenendo conto del grande cambiamento in atto su consuetudini, metodologie, convincimenti e aspettative a livello globale. Banca Mps ha sempre mantenuto un approccio proattivo e resiliente rispetto agli eccezionali eventi del 2020 e questo ha permesso all’azienda e alle sue persone di tenere fede agli impegni presi nelle precedenti DNF. Nonostante le limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria, la Banca ha proseguito il rafforzamento dei temi legati alla sostenibilità in vari ambiti. Per valutare l’impatto del Covid-19 sui temi rilevanti, il Gruppo ha ritenuto ancor più decisiva, rispetto agli anni passati, l’attività di ascolto. In questa logica, è stato richiesto agli stakeholder della Banca di compilare alcune survey personalizzate in modo da recepire le indicazioni e il posizionamento riguardo ai temi legati alla sostenibilità, anche alla luce degli impatti dell’emergenza sanitaria in atto. La prima evidenza emersa nel 2020 è stata quella dell’importanza del capitale umano, elemento cardine su cui impostare qualunque strategia di resilienza e di rilancio. La salute dei dipendenti e dei clienti è stata messa al centro degli interventi di messa in sicurezza delle filiali. Banca MPS, inoltre, dall’inizio dell’emergenza, ha esteso la possibilità di lavorare in remoto con un piano specifico di rapido potenziamento della propria struttura informatica e rafforzamento del livello di sicurezza. Il Gruppo è passato dal 15% di dipendenti in smart working di fine 2019 al 75% di media nel 2020.

Per supportare la comunità e i propri clienti, nelle difficoltà economiche emerse con la pandemia, il Gruppo ha messo in atto azioni straordinarie di supporto, sia sulla base delle disposizioni governative, sia a seguito di iniziative specifiche. Complessivamente il valore economico della ricchezza prodotta e distribuita dal Gruppo Montepaschi agli stakeholder con cui opera quotidianamente ammonta a 2,36 miliardi di euro. Per quanto riguarda la Governance, la Banca ha assunto la decisione di allocare ufficialmente tale responsabilità in capo al Comitato “Rischi” endoconsiliare, che è diventato “Rischi e Sostenibilità”. Il nuovo Regolamento affida al Comitato il compito di supportare il Consiglio di Amministrazione con funzioni istruttorie, di natura propositiva e consultiva, nelle valutazioni e nelle decisioni relative alla sostenibilità, esplicitando in questo modo l’importanza di tali temi e definendo il perimetro dei controlli e delle responsabilità.

Sempre nel 2020, la Banca ha deciso di intraprendere il percorso per l’attribuzione di un rating di sostenibilità da parte di Standard Ethics, un ente terzo di caratura internazionale che, oltre a certificare il buon posizionamento della Banca (EE- con outlook positivo), ha svolto un’importante attività di approfondimento che ha consentito di acquisire maggior consapevolezza dei punti di forza e di debolezza per future progettualità. Da un punto di vista ambientale, è proseguito l’impegno, ormai storico, per la riduzione dei consumi e delle emissioni di CO2 ed è stato erogato quasi 1 miliardo di euro di finanziamenti con scoring ambientale da Mps Capital Services. È proseguito anche il percorso di sviluppo della cultura inclusiva in azienda grazie a progetti come Management Plurale, iniziativa di sensibilizzazione dedicata al tema del genere e della disabilità, con oltre 600 manager coinvolti. In linea con questa visione la Banca ha deciso l’avvio del Women Leadership Program, per sostenere lo sviluppo manageriale delle donne in ruoli di responsabilità (che per il 2020 si attesta a quasi il 32%) facilitando la consapevolezza di sé e delle proprie competenze, e l’adesione al Disability LAB, un nascente network di aziende che mira a valorizzare le buone pratiche e individuare ambiti concreti di miglioramento per i lavoratori con disabilità.