CCIR

Tre stabilimenti produttivi a Meda (MB), Cassano Magnago (VA) e Ormelle (TV), 130 dipendenti, 30 milioni di euro di fatturato consolidato, di cui il 70% da export: questi, in estrema sintesi, i numeri del Gruppo di illuminazione Penta, capitanato da Andrea Citterio, che a luglio 2020

ha incorporato Castaldi, storica azienda italiana specializzata nel lighting tecnico indoor e outdoor di alta gamma, ampliando a 360° l'offerta made in Italy nel mondo della luce: dal design e contemporaneità di Penta, alle grandi firme di Arredoluce, all’illuminazione tecnica di Castaldi.

«Castaldi rappresenta per il Gruppo Penta una straordinaria opportunità per ampliare ulteriormente i propri confini nel comparto del lighting tecnico-architetturale di alta fascia, portando in dote un patrimonio di competenze consolidate e riconosciute in tale ambito», dichiara Andrea Citterio, CEO di Penta Group. «Fin da quando fu fondata dall’ingegner Enrico Castaldi nel 1938, l’azienda ha sempre espresso in modo eccellente il perfetto connubio tra innovazione, qualità del prodotto e design, tipici del made in Italy. Negli anni Castaldi ha collaborato con i più importanti studi di architettura a livello internazionale e portato a compimento grandi progetti di rilevanza mondiale come l’aeroporto di Abu Dhabi e la prestigiosa Cleveland Clinic».

«Le ambizioni che il Gruppo Penta riserva a Castaldi sono alte. Nei prossimi mesi è previsto un significativo progetto di rinnovo e rilancio dell’azienda: l’obiettivo dichiarato è quello di portare Castaldi ad essere punto di riferimento per il mondo dell’illuminazione tecnica di alta gamma in Italia e nel mondo», dichiara Walter Camarda, attuale CEO di Castaldi, che continuerà a rimanere coinvolto nel progetto.

«L’obiettivo è raddoppiare il fatturato di Castaldi nei prossimi 3 anni», continua Andrea Citterio. «La strategia di crescita prevede in primis di sfruttare a pieno le sinergie di Gruppo, un importante restyling sia di immagine che di prodotto e il rafforzamento e consolidamento della propria posizione sui mercati internazionali, nel rispetto della tradizione e dei valori dell’azienda».

Advisors di Penta nell’operazione sono stati Dentons e New Deal Advisors, mentre Castaldi si è avvalsa di Watson Farley & Williams e BoardWalk.