CCIR

È una realtà operativa la nuova terapia intensiva/subintensiva dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Maggiore della Carità” di Novara. Alla fine di giugno, infatti, si sono conclusi i lavori iniziati il 14 aprile scorso, in piena emergenza sanitaria, per realizzare la nuova terapia

completamente attrezzata, nei locali adiacenti al Pronto Soccorso dell’AOU di Novara, collegata direttamente con la preesistente area di cure intensive. L’opera è stata finanziata dalla Fondazione De Agostini con 500 mila euro.

Il progetto ha previsto il recupero, mediante una completa ristrutturazione edile e impiantistica, di spazi esistenti aventi una superficie di circa 180 mq (là dove si trovava l’ambulatorio Terapia anticoagulante orale) per la creazione di 7 posti letto ad elevata intensità di cura, di cui due a pressione negativa.

La Fondazione De Agostini, da sempre vicina e sensibile alle esigenze del territorio novarese, con questa iniziativa ha voluto rispondere in modo concreto e rapido alla grave emergenza sanitaria e sociale provocata dalla pandemia che si è diffusa nei primi mesi dell’anno.