CCIR

L’occasione sono le Giornate ASECAP di Studio ed Informazione in programma nella capitale spagnola, dal 23 al 25 maggio 2016. Sarà proprio in quella sede chela delegazione di CAV Concessioni Autostradali Venete capitanata dalla presidente, Luisa Serato,

presenterà ai colleghi europei il progetto del Passante Verde 2.0.

 

L’appuntamento annuale di Asecap, l’associazione che riunisce le concessionarie stradali dell’Unione Europea, è organizzato di concerto con il Segretariato dell’ASECAP di Bruxelles e l’Associata spagnola SEOPAN.

 

In programma sessioni plenarie di carattere politico-istituzionale, focalizzate sulle principali priorità della politica europea dei trasporti, soprattutto alla luce dell’attuale revisione intermedia del Libro Bianco Trasporti UE; inoltre gli esperti del settore, provenienti dalle concessionarie autostradali animeranno le varie sessioni tecniche dedicate ai temi del telepedaggio, della sicurezza stradale, dello sviluppo ed applicazione degli ITS (Sistemi Intelligenti di Trasporto), delle attività di marketing e comunicazione, nonché dei servizi innovativi offerti dalle autostrade in concessione europee ai propri utenti per assicurare loro una mobilità sicura, efficiente e sostenibile.

 

E proprio nell’ambito della sostenibilità degli assi autostradali troverà spazio la versione aggiornata e notevolmente potenziata delle fasce verdi che costeggeranno l’intero tracciato del Passante di Mestre.

 

«Si tratta di un progetto che mi sta particolarmente a cuore, anzi, del progetto che mi sta maggiormente a cuore – commenta Luisa Serato – la pietra angolare del mio mandato è il completamento e il potenziamento del Passante Verde. Sulla base del lavoro preliminare svolto da chi ci ha preceduto ora possiamo proporre in tempi utili un piano più ampio, che ammanterà di verde centinaia di ettari. La presentazione alle società autostradali europei è da un lato motivo d’orgoglio ma rappresenta anche e soprattutto un impegno ulteriore preso, letteralmente, davanti a una platea internazionale».