In primo piano: nei primi sei mesi del 2016 il prezzo del kilowattora per le imprese italiane con consumi medio-bassi, tra 20 e 500 MWh annui, è diminuito del 6%, attestandosi a 17,7 centesimi di euro, rispetto ai 18,9 centesimi dello stesso periodo del 2015. Di conseguenza,

la forbice tra il prezzo italiano e quello medio Ue si è ridotta in termini assoluti da 6,3 centesimi di euro dello scorso anno (+50%) a 5,5 centesimi (+45%). È quanto emerge dell’Analisi trimestrale ENEA del sistema energetico italiano, che evidenzia anche un miglioramento dell’ISPRED, l’Indice di Sicurezza energetica, PRezzo dell’Energia e Decarbonizzazione elaborato da ENEA per misurare insieme gli obiettivi di decarbonizzazione al 2020 e al 2030, i prezzi dell’energia e la sicurezza energetica nazionale.

 

Tra le altre notizie: il nuovo focus “Dai nostri laboratori” su eventi e attività in corso, il programma della Notte Europea dei Ricercatori domani nei laboratori ENEA di Frascati e Casaccia, lo studio sui passi avanti della ricerca nella lotta alla fibrosi cistica, le serra 3.0 dell’ENEA al centro della Settimana Europea delle Biotecnologie e la presentazione delle attività dell’Agenzia nel settore dei beni culturali alla 3a edizione del Forum dell’Innovazione “TECHNOLOGY for ALL”.