A ottobre è ancora Enel a mantenere il primo posto della classifica di BEM Research che ha analizzato l’andamento sul web di 15 marchi del settore energia e altre utilities che si rivolgono al pubblico con un sito Internet in lingua italiana. Nella top-five

si registrano due cambiamenti di maggior rilievo che riguardano rispettivamente Wind ed Edison. Wind dalla quarta posizione ottenuta a settembre passa alla seconda. Edison conquista il quinto posto scalando 2 posizioni rispetto al mese precedente. Tra Wind ed Edison si piazzano Poste Italiane ed Eni rispettivamente al terzo e quarto posto.

Allargando l’analisi ai primi dieci brand, ci sono altre due interessanti novità: Green Network e Bluenergy. I due brand appaiono in competitizione per ottenere visibilità online, grazie soprattutto all’offerta di pacchetti promozionali sull’offerta luce e gas.Nel complesso, la media settoriale dei siti web analizzati migliora del 2,6% in un mese e si attesta a 31 punti del BEM-Rank. Una leggera diminuzione si registra invece per le ricerche su Google, in flessione del 2% rispetto a un anno fa.

«Se guardiamo a Internet come a una piazza virtuale dove le persone parlano degli argomenti più caldi e di interesse comune, si comprende bene quanto quello dell’energia e argomenti correlati, quali clima e risparmio energetico, siano di frequente oggetto di discussione a più livelli, tanto sui social quanto sui siti web dedicati – afferma Mariachiara Marsella, web marketing manager a BEM Research – La recente ratifica dell’Accordo di Parigi sul clima da parte del Parlamento Europeo può ad esempio costituire un’occasione per le aziende del settore di “far sentire la propria voce” in merito, mostrando al popolo del web la propria mission, i propri valori in questo specifico contesto» conclude Marsella.