Liquigas ha presentato il Report di Sostenibilità 2015 che illustra i progetti, gli obiettivi e i risultati conseguiti dalla società in materia di sicurezza, salute, ambiente e riporta la prima valutazione degli impatti diretti, indiretti e indotti dell’azienda sull’economia italiana.

  Uno studio condotto per conto di Liquigas dalla società di consulenza EY, ha permesso di calcolare il contributo economico e sociale dell’azienda al sistema Paese lungo tutta la catena del valore, in termini di impatto occupazionale, apporto al PIL e contribuzione fiscale. Nel 2015 Liquigas ha messo in campo oltre 170 milioni di Euro tra acquisti e investimenti, che hanno aiutato a generare oltre 3.900 posti di lavoro, contribuito al PIL nazionale per 322 milioni di euro e generato 90 milioni di euro di contribuzione fiscale. Numeri che sottolineano l’importanza dell’azienda, quale volano di crescita e occupazione a livello nazionale.

 

 In linea con la mission aziendale, l’impegno di Liquigas nei confronti del Paese si concretizza anche nell’assicurare l’approvvigionamento energetico alle realtà italiane non raggiunte dalla rete del metano, circa 1500 comuni in cui vivono 4 milioni di persone. All’interno di queste comunità l’azienda è in grado di creare valore fornendo GPL e GNL, fonti di energia sostenibile contribuendo così a contrastare lo spopolamento delle aree rurali e a supportare le attività produttive e commerciali locali.

 

Nel 2015 Liquigas ha rifornito 350.000 clienti, tra cui 25.000 aziende off-grid, e 128 reti canalizzate per la distribuzione di GPL. Una presenza capillare e radicata in tutta Italia, supportata di recente anche dalla firma di un protocollo d’intesa con Ancitel Energia&Ambiente con l’obiettivo di realizzare congiuntamente iniziative di sensibilizzazione nei confronti dei Comuni non metanizzati (o parzialmente metanizzati) circa le opportunità derivanti dall’uso del GPL e del GNL.

 

 Liquigas, nell’ambito del proprio impegno sulla sostenibilità, contribuisce inoltre ad affrontare le sfide in atto sul fronte ambientale promuovendo GPL e GNL, che rappresentano le fonti non rinnovabili più sostenibili e la soluzione ideale per supportare la transizione verso la low carbon economy. A fronte di un alto potere calorifico infatti, i due combustibili presentano livelli trascurabili di emissioni di polveri sottili, generano emissioni limitate di SO2, e NOX e basse emissioni di CO2; non inquinano suolo, sottosuolo e falde acquifere.

 

 “La sostenibilità si è ormai trasformata in una fondamentale leva strategica, che orienta le attività del nostro business in un contesto interessato da forti dinamiche evolutive. La quarta edizione del nostro Report di Sostenibilità è per noi un vero e proprio biglietto da visita, un documento nel quale non solo dichiariamo il nostro impegno a favore della difesa della qualità dell’aria, attraverso la diffusione del GPL e del GNL, ma dimostriamo anche come la nostra azienda opera a sostegno del Sistema Paese Italia” sottolinea Andrea Arzà, Amministratore Delegato Liquigas.