CCIR

E2i Energie Speciali si è aggiudicata 153 MW di nuova potenza eolica che entreranno a far parte del suo parco produttivo. E2i ha partecipato alla procedura d’asta competitiva, indetta dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE), per l’ottenimento di nuova capacità produttiva di parchi eolici on-shore e ha visto l’ammissione alla

graduatoria delle aste GSE di tutti gli otto progetti presentati, che prevedono un investimento complessivo di circa 200 milioni di Euro per la loro realizzazione. “Siamo orgogliosi di questo straordinario successo.” – Dichiara Marc Benayoun, Amministratore Delegato di Edison – “Edison è da sempre un riferimento nell’industria energetica per le elevatissime competenze tecniche e il know-how. Riconosciamo con soddisfazione il traguardo raggiunto da E2i che ha conquistato il 20% circa di tutta la capacità messa in asta dal GSE:153MW su 800MW di contingente totale. E2i è infatti l’operatore che ha ottenuto più MW in assoluto tra tutti quelli che hanno partecipato alle aste. Questo risultato contribuisce significativamente all’obiettivo Edison di diventare il primo operatore eolico in Italia. Un traguardo che raggiungeremo, insieme al nostro partner F2i, anche attraverso l’OPA in corso su Alerion[1] e ulteriori operazioni allo studio.”

 Nello specifico, verranno realizzati 5 impianti green-field in Campania, Puglia, Sicilia e Basilicata e 3 impianti di integrale ricostruzione di parchi eolici in esercizio in Abruzzo e Basilicata per oltre 150 MW complessivi[2]. Le integrali ricostruzioni permetteranno di sfruttare l’evoluzione tecnologica degli aerogeneratori per aumentare la producibilità degli impianti stessi e diminuire il numero delle pale eoliche sul territorio. La nuova capacità produttiva va ad aggiungersi ai circa 600 MW che fanno già parte del portafoglio impianti di E2i. Inoltre, E2i si avvale delle specifiche competenze di EDF Energies Nouvelles nei servizi di Operation & Maintenance degli impianti.

 Sulla base di quanto indicato nelle regole del bando di gara del GSE gli impianti andranno completati entro 31 mesi dalla data di assegnazione.

L’Italia ha prodotto, nel 2015, 15 TWh di energia eolica in grado di coprire il fabbisogno domestico di 15 milioni di persone, evitando l’emissione in atmosfera di 10 milioni di tonnellate di CO2 con elevati benefici per l’ambiente e contribuendo all’impegno dell’Unione Europea di raggiungere entro il 2020 il 20% dell’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili. La potenza eolica installata in Italia è di 9 GW di cui il primo operatore detiene solo 1,1 GW mentre la restante parte è frammentata tra tanti piccoli operatori.

 

In un contesto di mercato complesso, caratterizzato da una progressiva riduzione degli incentivi, l’efficacia nello sviluppo delle rinnovabili dipende fortemente dalle economie di scala e dalla capacità di gestire il mercato energetico e la sua crescente volatilità. In questo senso, Edison, attraverso la massa critica di E2i (600 MW più 153 MW approvati) e le proprie competenze distintive di energy management, è certamente uno dei pochi operatori in grado di garantire affidabilità non soltanto nel breve, ma anche nel medio-lungo periodo.