CCIR

Una tecnologia brevettata da Saipem per la posa di turbine eoliche flottanti offshore verrà testata al largo della costa occidentale irlandese, previo ottenimento di tutte le autorizzazioni del caso. Si tratta del progetto AFLOWT

(Accelerating market uptake of Floating Offshore Wind Technology) per un valore di 31 milioni di euro, il primo di questo tipo che si avvale di competenze maturate in tutta Europa.

Una turbina galleggiante a dimensione reale verrà installata  per il collaudo al largo della costa occidentale irlandese,  presso un sito di test dell'Autorità Irlandese per l'Energia Sostenibile (SEAI) vicino a Belmullet, Co. Mayo, entro il 2022. Il progetto è guidato dal Centro Europeo per le Energie Marine (EMEC) in collaborazione con SEAI, SAIPEM e altre organizzazioni in Francia, Germania, Irlanda, Paesi Bassi e Regno Unito. Il finanziamento del progetto è garantito da Interreg North West Europe Programme, uno dei principali programmi di cooperazione transnazionale finanziato dall’Unione Europea, con l’obiettivo di accelerare l'utilizzo da parte del mercato di tecnologie di generazione di energia da campi eolici flottanti offshore, dimostrandone  la competitività in termini di costi e durata . Il progetto inoltre sosterrà la supply chain già attiva  nella regione, che vanta tra le maggiori risorse eoliche e oceaniche del mondo.

Stefano Porcari, Chief Operating Officer della Divisione E & C Offshore di Saipem, ha dichiarato: "Saipem prosegue nel suo impegno di diversificazione del  proprio core business con l’obiettivo di offrire soluzioni moderne al mercato delle energie rinnovabili. Questo progetto rappresenta per noi un'opportunità unica per testare la nostra tecnologia brevettata Floating Wind in ambienti difficili. Questa turbina galleggiante a dimensione reale integra le competenze consolidate di Saipem nella fornitura di servizi integrati con quelle maturate nel settore dell’eolico a mare,  confermando lo spirito pioneristico della nostra azienda che spinge sempre oltre  i confini dell'industria energetica. Insieme ai nostri partner del consorzio, lavoreremo sulla fattibilità e sull'efficienza in termine di costi di questo progetto eolico offshore galleggiante, per uno scenario energetico a bassa emissione di  carbonio".