Print

Royal Philips ha annunciato i nuovi traguardi raggiunti nel proprio impegno a rendere il mondo più sano e sostenibile attraverso l'innovazione. In collaborazione con i propri partner, Philips intende affrontare le sfide sociali più urgenti, concentrandosi in particolare

sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) 3, 12 e 13 delineati dalle Nazioni Unite, e volti a migliorare l'accesso alle cure a costi accessibili, favorire la transizione verso un'economia circolare e azioni concrete contro i cambiamenti climatici. L’obiettivo dell'azienda è quella di migliorare la vita di 3 miliardi di persone all'anno entro il 2030.

"Grazie all'innovazione possiamo mettere a frutto le sinergie tra salute e sostenibilità, offrendo grandi opportunità per migliorare la vita delle persone", ha affermato Frans van Houten, CEO di Royal Philips, in occasione di Davos 2020. "Che si tratti di mettere i medici nelle condizioni di migliorare la salute dei pazienti, o di creare nuovi modelli di business e soluzioni di economia circolare per ridurre le emissioni di gas serra nel mondo della sanità, sappiamo che per riuscire a fare la differenza a livello globale è necessario attivare partnership inclusive con tutti gli attori in gioco, per realizzare vere soluzioni end-to-end".

I traguardi recenti raggiunti da Philips in collaborazione con i propri partner includono:

SDG3: garantire una vita sana e promuovere il benessere di tutti a tutte le età. La metà della popolazione mondiale non ha ancora accesso all'assistenza sanitaria ed alcuni studi dimostrano che, in molti sistemi sanitari evoluti, fino al 25% della spesa sanitaria risulta utilizzato in maniera inefficiente. Philips è impegnata a co-creare soluzioni sanitarie accessibili e all’avanguardia, in cui le risorse vengano utilizzate nel modo più efficiente e responsabile possibile. Nel 2019, i prodotti e le soluzioni Philips hanno migliorato la vita di 1,64 miliardi a livello globale, rispetto a 1,54 miliardi nel 2018, di cui 194 milioni nelle comunità svantaggiate, rispetto ai 175 milioni nel 2018.

Philips ha annunciato di aver firmato una nuova partnership con il Ministero della Salute della Repubblica del Congo e il Fondo delle Nazioni Unite UNFPA. L’obiettivo della collaborazione è di ridurre i tassi di mortalità materna e neonatale del 50% nelle strutture sanitarie del paese, soprattutto nelle comunità remote, nei prossimi cinque anni. I tre partner lavoreranno insieme per attuare un programma su larga scala di emergenza ostetrica e di assistenza ai neonati (EmONC), che raggiungerà oltre 500.000 donne e 70.000 neonati, migliorando l'accesso a un'assistenza sanitaria materna, neonatale e infantile di alta qualità e sostenibile. Il programma ha beneficiato di un importante meeting tenutosi al WEF 2019, che ha portato al sostegno dell'iniziativa da parte di un folto gruppo di stakeholder.

Negli Stati Uniti, Philips collabora con il Dipartimento degli Affari dei Veterani (VA), The American Legion e Veterans of Foreign Wars (VFW), per fornire le dotazioni necessarie a creare cliniche virtuali all'interno delle strutture dei VFW e dell’American Legion. Il progetto consente ai veterani statunitensi di fissare appuntamenti virtuali con gli operatori VA senza doversi recare in una struttura medica regionale o negli ambulatori a loro dedicati.

SDG 12: Garantire modelli di consumo e produzione sostenibili. Philips sta rispettando la tabella di marcia stabilita per mantenere l’impegno in materia di economia circolare assunto durante il WEF 2018, che si concretizza ulteriormente con il lancio del programma globale di ritiro e rigenerazione dei prodotti di Philips. Philips ha inoltre ampliato le proprie attività di recupero delle parti di ricambio, consentendo all'azienda di riutilizzare i componenti delle apparecchiature medicali.

Attraverso la copresidenza di PACE (Platform for Accelerating the Circular Economy), il CEO di Philips, Frans van Houten, sostiene l'economia circolare, aiutando il settore a dare vita a cambiamenti, promuovendone l'implementazione e stimolando la creazione di un sistema di aziende disposte a mettere davvero l’economia circolare al centro della loro strategia. Nel 2019 sono stati lanciati otto nuovi rapporti PACE. Attività di PACE sono attualmente in corso in Cina, Sud-Est asiatico, Europa, America Latina e Nord America; il leadership team è cresciuto da circa 50 a oltre 70 leader globali dal 2018 al 2019. La scorsa settimana, PACE ha annunciato che quattro nuovi membri si stanno unendo al consiglio. Inger Andersen, Direttore Esecutivo del programma delle Nazioni Unite per l'ambiente, Lisa Jackson, Vice Presidente per l'ambiente, le politiche e le iniziative sociali per Apple, Ellen MacArthur, il fondatore Ellen MacArthur Foundation e Stientje van Veldhoven, Ministro dell'ambiente e delle abitazioni per il governo dei Paesi Bassi.

SDG 13: adottare misure urgenti per combattere il cambiamento climatico e il suo impatto. Philips ha da poco annunciato di essere stata inserita, per il settimo anno consecutivo, nella Lista A del CDP (Carbon Disclosure Project) relativa ai cambiamenti climatici. Philips ha ricevuto tale riconoscimento per le sue azioni dell'ultimo anno, nate con l’obiettivo di ridurre le emissioni, mitigare i rischi climatici e sviluppare un’economia a basse emissioni di carbonio.

Un esempio è l'apertura del parco eolico Krammer nei Paesi Bassi durante lo scorso anno, che ha consentito a Philips di alimentare il 100% delle proprie attività olandesi con energia rinnovabile, in linea con l'obiettivo del 100% di energia rinnovabile già raggiunto negli Stati Uniti.