CCIR

Proteggere i dipendenti e assumersi responsabilità per la società è la priorità numero uno per il BMW Group. Allo stesso tempo, è importante salvaguardare la liquidità dell'azienda e garantirne il successo a lungo termine. Il risultato delle vendite per il primo trimestre

è stato offuscato dall'impatto globale di COVID-19 e dagli effetti della chiusura temporanea di un gran numero di punti vendita. Il BMW Group ha consegnato ai clienti un totale di 477.111 (-20,6%) veicoli premium BMW, MINI e Rolls-Royce nei primi tre mesi di quest'anno.

"Stiamo reagendo alla situazione critica delle vendite a livello globale causata dall'emergenza sanitaria in corso e stiamo adattando in modo flessibile il nostro volume di produzione alla domanda. In questo modo, stiamo creando condizioni importanti per il proseguimento del successo economico dell'azienda", ha sottolineato Pieter Nota, membro del Board of Management di BMW AG responsabile Customer, Brands and Sales. "In Cina, stiamo assistendo ai primi segnali di ripresa con un forte aumento degli ordini", ha continuato Nota.

Grazie all’offensiva di prodotto degli ultimi mesi, il BMW Group ha iniziato bene l'anno facendo segnare una crescita delle vendite. Tuttavia, a febbraio, l'impatto della pandemia aveva già causato una significativa riduzione delle vendite in Cina. A marzo, gli effetti della pandemia sono stati chiaramente visibili nelle cifre delle vendite in Europa e negli Stati Uniti. Circa l'80% di tutti i punti vendita in Europa e il 70% di quelli negli Stati Uniti sono attualmente chiusi a causa del coronavirus.

In diversi Paesi, tra cui la Germania, per le concessionarie al momento l’attività di vendita delle auto è interrotta per legge.

Il BMW Group sostiene pienamente le misure per contenere la diffusione di COVID-19 e si sta assumendo le proprie responsabilità nei confronti della società. L’azienda fornisce veicoli a strutture sociali e sanitarie per garantire la mobilità degli assistenti e dei lavoratori del settore sanitario. Nelle sue sedi tedesche e internazionali, il BMW Group sta anche aiutando le istituzioni sociali e pubbliche con donazioni di beni e materiali come mascherine e disinfettanti. L’azienda sta attualmente lavorando a stretto contatto con la sua rete globale di fornitori per procurarsi mascherine e altre attrezzature mediche necessarie in tempi rapidi. L'azienda sta vagliando anche l'ipotesi di iniziare a produrre direttamente mascherine protettive.

Il BMW Group offre ai suoi partner di vendita e ai clienti il miglior supporto possibile in questa difficile situazione. Poiché la situazione differisce da un Paese all'altro, sono in corso di attuazione misure specifiche per i singoli mercati in stretta consultazione con le concessionarie. Laddove appropriato, il BMW Group offre anche ai suoi clienti misure quali l'estensione delle garanzie derivanti dalla vendita di nuovi veicoli e l'estensione degli intervalli di manutenzione e continua a fornire servizi di officina, nella misura consentita dalle misure d’emergenza adottate in ogni Paese.

411.809 veicoli BMW consegnati nel primo trimestre

Un totale di 411.809 (-20,1%) veicoli BMW sono stati consegnati ai clienti nei primi tre mesi dell'anno. Il marchio MINI ha venduto 64.449 (-23,4%) unità nello stesso periodo.

Nel primo trimestre sono stati venduti in tutto il mondo 30.692 (+ 13,9%) veicoli elettrificati dei marchi BMW e MINI. "Ciò significa che siamo anche sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi dell'UE in materia di CO2. Non vediamo alcuna necessità di rinviare gli obiettivi di protezione del clima”, ha affermato Pieter Nota.

Rolls-Royce Motor Cars ha registrato vendite di 853 veicoli (-27,2%) nel primo trimestre dell'anno in corso. Tra gennaio e marzo sono stati inoltre consegnati ai clienti 34.774 (-9,9%) motocicli.

Negli Stati Uniti, nel primo trimestre dell'anno sono stati venduti in totale 64.692 (-17,4%) veicoli; di questi, 59.455 (-15,3%) erano veicoli a marchio BMW.

In Cina, le vendite del primo trimestre sono diminuite del 30,9% (116.452 veicoli). In uno sviluppo positivo, questa tendenza è stata invertita a marzo, indicando una ripresa sostenibile in questo mercato. Anche i dati sulle vendite in Corea del Sud hanno registrato una tendenza positiva.

In Europa, nei primi tre mesi dell'anno sono stati consegnati ai clienti 220.812 (-18,3%) veicoli BMW e MINI. In Germania, il BMW Group ha venduto 67.882 unità (-9,0%); perdita minore rispetto al mercato nel suo insieme.