Fosber, gruppo internazionale con sede a Lucca, leader nella fornitura di linee ondulatrici per la produzione di cartone, ha esportato un macchinario del valore di 4,5 milioni di euro in Messico con il supporto di SACE SIMEST, il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione

del Gruppo CDP. L’operazione è stata finalizzata tramite il portale sacesimest.it, consentendo all’azienda di proteggere le sue vendite all’estero dai rischi connessi a eventi di natura politica e commerciale, con tempistiche brevi e processi semplificati.

Fosber, nata nel 1978 dall’iniziativa di un gruppo di imprenditori di Lucca, è oggi un key player nella progettazione, produzione e installazione di linee e macchinari per il cartone ondulato, esportati in tutto il mondo. Fosber si concentra inoltre su sistemi software che garantiscono massime prestazioni e miglior qualità. Infatti eccellenza, innovazione e affidabilità dei prodotti sono il marchio di fabbrica del gruppo che, oltre all’Headquarters italiano, ha filiali strategiche negli Stati Uniti e in Cina.

SACE SIMEST si conferma un partner strategico sui mercati internazionali per il Gruppo Fosber, che negli ultimi anni ha assicurato le vendite in Messico e Spagna di altri tre macchinari per il cartone ondulato, per un valore complessivo di 7,5 milioni di euro. In Toscana, un’area ad alta densità industriale e culla di prodotti e settori d’eccellenza che hanno contribuito a rendere il Made in Italy famoso nel mondo, nel 2018 SACE SIMEST ha mobilitato circa 450 milioni di euro a supporto di export e internazionalizzazione di oltre 1000 imprese.

Il Messico rappresenta il primo mercato per l’Italia in America Latina. Dopo un periodo di forte espansione, l’export italiano ha registrato una frenata nel 2018, ma è atteso nuovamente in crescita nel 2019 (+4%) e nel triennio successivo (+5,6% in media annua, nel 2020-2022), trainato in particolare dai settori agroalimentare, mezzi di trasporto e meccanica strumentale. Per l’economia messicana, scampato al momento il pericolo di una guerra commerciale con gli Stati Uniti, sarà di importanza capitale mantenere buoni rapporti con l’importante vicino, arrivando in tempi brevi alla ratifica del nuovo trattato di libero scambio USMCA (comprendente anche il Canada) in sostituzione del vigente NAFTA.