CCIR

Amundi e CPR Asset Management lanciano il fondo "Social Impact" il primo fondo azionario globale che offre agli investitori l'opportunità di partecipare alla riduzione delle disuguaglianze e di tener conto dei rischi sociali nei loro investimenti

Una nuova metodologia basata su cinque pilastri per valutare la disuguaglianza sociale come rischio extra-finanziario: lavoro & reddito, salute & istruzione, diversity, tassazione, diritti umani & accesso ai beni fondamentali.

CPR Invest – Social Impact è un fondo azionario globale gestito attivamente, privo di benchmark, con un portafoglio di circa 70 azioni. Il fondo utilizza una metodologia interna, basata su 40 criteri, per valutare le società e i paesi in cui esse operano. L'obiettivo di investimento consiste nel sovraperformare i mercati azionari globali nel lungo periodo (minimo cinque anni), investendo in aziende che stanno contribuendo alla riduzione delle disuguaglianze nei paesi in cui sono costituite. Yasmine De Bray e Eric Labbé sono i co-fund manager di questo fondo azionario tematico.

Poiché le disuguaglianze devono essere valutate innanzitutto a livello nazionale, il team di gestione ha elaborato criteri di valutazione per paese (ad esempio progressività del sistema fiscale, salario minimo di legge, quota del PIL della spesa totale destinata a sanità e istruzione, disposizioni giuridiche per combattere la discriminazione, diritti dei lavoratori). In seguito, il team assegna un “punteggio di disuguaglianza” a 3.000 aziende (sulla base di differenziale di salario, condizioni di lavoro, politiche di diversità, ottimizzazione fiscale, formazione dei dipendenti). In questo modo, le società vengono valutate in base ai loro sforzi per ridurre le disuguaglianze nei paesi in cui hanno la propria sede.

Una metodologia proprietaria di valutazione delle disuguaglianze associata alla metodologia di valutazione ESG di Amundi.