Il Gruppo BEI (costituito da Banca Europea per gli Investimenti e Fondo Europeo per gli Investimenti) e Banco BPM uniscono nuovamente le forze per sostenere le esigenze di capitale circolante e investimenti delle piccole e medie imprese italiane (PMI) colpite dalla crisi economica

generata dalla pandemia. Si tratta della prima operazione di questo tipo in Italia e fra le prime in Europa. A tal fine, la Banca europea per gli investimenti (BEI) e il Fondo europeo per gli investimenti (FEI) garantiranno una tranche junior da 91 milioni di euro di una cartolarizzazione sintetica di un portafoglio di prestiti alle PMI originato da Banco BPM. La banca italiana potrà così fornire finanziamenti e liquidità alle PMI attraverso prestiti a tasso agevolato per circa 1 miliardo di euro. L'operazione copre la prima perdita di una struttura di cartolarizzazione sintetica attraverso il Fondo Europeo di Garanzia (FEG), parte integrante del pacchetto di misure da 540 miliardi di euro approvato dall’Unione Europea nel 2020 e appositamente dedicato a contrastare le difficoltà economiche e i rallentamenti produttivi causati dalla pandemia.

Questa rappresenta la terza operazione di cartolarizzazione sintetica fra il Gruppo BEI e Banco BPM a favore delle PMI e Midcaps italiane, di cui la prima firmata nel giugno 2019 per un valore di 55 milioni di euro e la seconda definita nel dicembre 2020 per 76.6 milioni di euro destinata al supporto delle PMI colpite da COVID-19.