CCIR

Si è tenuto a Roma, presso l'Accademia d'Ungheria a Palazzo Falconieri, , il seminario “Focus Ungheria”, organizzato dalla Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria, con l’Ambasciata d’Ungheria in Italia e la Camera di Commercio

e dell’Industria della Contea di Pest, L'evento, di rilievo Nazionale ed Internazionale, ha rappresentato un'opportunità concreta offerta agli operatori Italiani per conoscere il sistema giuridico, fiscale e finanziario dell'Ungheria, il quale, secondo i principali indicatori macroeconomici, vanta oggi il più alto tasso di crescita economica tra i Paesi Europei. L'obiettivo dell’iniziativa era quello di voler dare un contributo fattivo alle possibilità di internazionalizzazione dei business italiani nel Paese, illustrandone, grazie alla presenza di prestigiosi relatori, i molteplici vantaggi che ne fanno ad oggi un Partner economico ideale. Ha introdotto i lavori il Presidente della Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria, Francesco Maria Mari, seguito dal Presidente di Federmanager Roma e Unione Regionale Dirigenti Industria Lazio, Giacomo Gargano, dal presidente di Lazio Innova, Paolo Orneli e dal Presidente SACE, Beniamino Quintieri. Ha preso poi la parola L’Ambasciatore d’Ungheria in Italia, Ádam Zoltán Kovács, con approfondimenti sul tema “Ungheria, partner ideale per l’Italia”. L’Ambasciatore ha evidenziato che il momento migliore per investire in Ungheria è adesso, grazie anche agli ottimi rapporti istituzionali e alla consolidata stabilità politica ed economica. Illustrando le principali ragioni dell’importanza strategica del suo paese, Kovacs ha voluto rimarcare il valore della partnership commerciale tra le due nazioni, sottolineando anche l’ importanza di collaborare all’interno di un mercato unico europeo, da rafforzare e salvaguardare. Il Presidente Mari, ha esposto dettagliatamente le potenzialità del mercato ungherese, dal punto di vista dell’agente economico italiano. Il presidente della CCIU infatti, ha voluto proporre ai presenti fatti concreti, in modo da far capire in maniera diretta quali siano i motivi per cui attivare rapporti economici con l’Ungheria è così conveniente. Nel suo intervento ha riservato particolare attenzione al miracolo economico avvenuto nella nazione centro-europea, capace di riprendersi dalla situazione estremamente critica di appena dieci anni fa, per diventare oggi uno dei Paesi più dinamici del Continente. Il Presidente, ha infine evidenziato un’informazione insufficiente sull’Ungheria, Paese che rappresenta di fatto il corridoio tra l’Europa ed i mercati dell’Estremo Oriente. Tra gli altri relatori è intervenuto poi il Presidente della Camera di Commercio e dell’Industria di Pest, Zoltán Vereczkey, che ha esposto le politiche economiche intraprese dietro alla poderosa crescita dell’ultimo decennio. Il Presidente, presentando Pest, come una delle zone più virtuose per l’economia del Paese, ha messo in risalto il valore della cooperazione tra le zone regionali europee, una cooperazione da rafforzare per la crescita economica di tutti i paesi coinvolti. Il “Focus Ungheria” di Roma ha rappresentato, ancora una volta, un evento di forte interesse e di notevole successo organizzato dalla CCIU, dove gli obiettivi riescono a rendersi ancora più visibili e tangibili, consentendo incontri faccia a faccia tra qualificati esponenti del mondo dell’impresa e delle istituzioni dei due Paesi. Un ulteriore passo avanti che avvicina l’Italia e l’Ungheria in un’ottica di sempre maggiore internazionalizzazione ed apertura.

Stefano Piermaria