ZTE Corporation ha annunciato che, in collaborazione con la filiale di Quanzhou di China Telecom ha testato con successo una sua soluzione di comunicazione d’emergenza basata su droni. La soluzione, che si avvale di un drone industriale multi-rotore equipaggiato con la base station ZTE Pico e

customer premises equipment (CPE), pesa solo 15 Kg e può essere quindi facilmente trasportata sul luogo dell’intervento.

Il test ha dimostrato che il drone potrebbe completare la preparazione ed essere inviato in loco entro 10 minuti. Con una distanza di controllo di 5km, il peak data downlink rate arriva a 30Mbps e la qualità media di conversazioni voice over long-term evolution (VoLTE) raggiunge un valore di (MOS) di 3,3, garantendo quindi una buona esperienza utente.

Oggi, le persone richiedono accesso costante alle informazioni con la capacità di condividerle e contattare altri in qualunque momento e in qualunque luogo tramite smartphone. Tuttavia, in caso di attacchi terroristici o disastri naturali, le stazioni mobili spesso vengono distrutte interrompendo il servizio e causando gravi disagi alle squadre di soccorso. La provincia di Fujian, situata sulla costa sud orientale della Cina, è una delle più colpite da tifoni. Di solito ci vogliono dalle 10 alle 48 ore per ripristinare una base station mobilie o per implementare una base station d’emergenza. Spesso, i veicoli di soccorso non riescono ad accedere alle zone colpite in tempi accettabili per via di restrizioni alla viabilità. Ecco perché una soluzione d’emergenza flessibile è necessaria. La soluzione ZTE drone-based adotta segnali 4G macro cell per il backhaul, ha un costo contenuto e può essere facilmente installata e resa operativa.

 

La filiale Quanzhou di China Telecom continuerà a collaborare con ZTE esplorando soluzioni basate su droni per tempi di volo prolungati e ampliando le applicazioni per le soluzioni di emergenza.