CCIR

Sono le italiane CNH Industrial e ENEL a posizionarsi rispettivamente al nono ed al ventesimo posto della classifica del quotidiano Valor Economico riguardante le imprese più innovatrici del Brasile. La testata giornalistica, che ripropone ogni anno questa ricerca,

spiega che fra i criteri presi in considerazione vi sono le risorse destinate allo sviluppo di idee innovatrici riguardanti i prodotti, i processi, i modelli di business ed i servizi. Sono cinque i fattori chiave analizzati: l’intenzione strategica a innovare, lo sforzo e le risorse destinate allo scopo, i risultati ottenuti e, in ultima istanza, i brevetti pubblicati. Fra i requisiti richiesti per poter partecipare alla ricerca, le imprese hanno dovuto dimostrare lo sviluppo in Brasile di progetti innovativi e di avere perlomeno il 5% di capitale privato, ad eccezione di alcune imprese pubbliche che hanno dimostrato di operare con efficacia in mercati competitivi.In questo contesto, CNH Industrial ha sette unità di sviluppo prodotto dove lavorano seicento ingegneri, la loro missione non è più la ¨tropicalizzazione¨ del prodotto, bensì la connettività delle varie componenti. Secondo il direttore tecnologie digitali, Gregory Riordan, nel corso del 2018 l’azienda ha registrato 63 nuovi brevetti, prova che l’azienda non intende dipendere da altri dal punto di vista tecnologico e che la priorità è creare connettività fra macchine, siano essere agricole o del settore costruzione, al fine di raccogliere e gestire al meglio le informazioni ottenute.   (ICE SAN PAOLO - Valor Economico)