CCIR

La piattaforma HomeExchange continua il suo percorso di crescita, registrando quasi 2 milioni di pernottamenti nei primi sei mesi del 2019, il 42% in più rispetto all’anno precedente. Potendo contare su più di 400 000 abitazioni ovunque nel mondo,

HomeExchange si è oramai imposto come punto di riferimento imprescindibile per chiunque desideri intraprendere la via dello scambio casa.

In Italia sono circa 32 000 le abitazioni attualmente disponibili sulla piattaforma e, considerando il periodo di riferimento gennaio – giugno, il numero dei pernottamenti è aumentato del 59% negli ultimi due anni. Le grandi città d’interesse artistico e culturale (Roma, Firenze, Venezia e Milano su tutte) sono le destinazioni più ambite dai turisti italiani e stranieri (in particolar modo francesi, spagnoli e americani) ma lo scambio casa è sempre più popolare anche tra chi ricerca vacanze votate alla tranquillità del mare, della montagna o della campagna.

In Italia, un accenno particolare lo merita il caso della Basilicata, dove nel primo semestre dell’anno i pernottamenti sono aumentati del 757% rispetto al 2017: sicuramente uno degli effetti postivi dell’elezione di Matera a sede di Capitale Europea della Cultura per il 2019.

Quali sono invece le destinazioni preferite dagli italiani al di là dei confini nazionali? La maggior parte utilizza HomeExchange per viaggiare verso Francia, Spagna, Stati Uniti e Germania.

Che cos’è lo scambio casa? Lo scambio casa permette a famiglie, coppie o gruppi di amici di disporre di un alloggio completamente attrezzato, immersi in un’esperienza più vicina allo stile di vita locale. Il sistema dei GuestPoints, proposto da HomeExchange attraverso l’accumulo di punti, consente di organizzare scambi di casa non reciproci in maniera completamente gratuita. Un nuovo modo di viaggiare flessibile ed economico, basato sui principi di ospitalità, libertà e fiducia

HomeExchange si distingue per la qualità del suo servizio e per il suo modello conviviale e collaborativo”, ha spiegato Benedetta Galassini, porta parola di HomeExchange per l’Italia. “Sempre più italiani scelgono lo scambio casa per le loro vacanze perché caratterizzato da autenticità e risparmio: circa il 30% delle spese di viaggio normalmente sostenute per l'alloggio in albergo od in altre sistemazioni convenzionali, viene risparmiato o investito in altre attività, contribuendo favorevolmente all’economia locale”.