CCIR

Lo studio per lo sviluppo di un sistema di navigazione satellitare SBAS per l'Africa e la regione dell'Oceano Indiano ha fatto un importante passo avanti nell'aprile 2020, con la convalida dell'architettura del sistema e della copertura geografica. Si tratta di un'importante pietra miliare

nello sviluppo di questo sistema progettato da Thales Alenia Space, joint venture tra Thales (67%) e Leonardo (33%), nell'ambito del contratto di definizione preliminare di studio del progetto (fase B) firmato a febbraio 2019 con l'Agenzia per la sicurezza della navigazione aerea in Africa e Madagascar (ASECNA).

Il programma di “rinforzamento” satellitare SBAS per l’Africa e l'Oceano Indiano dell’ ASECNA  si basa sul programma europeo EGNOS (European Geostationary Navigation Overlay System). In linea con il piano di orientamento strategico di ASECNA, questo programma mira a potenziare le operazioni di navigazione e sorveglianza nel corso di tutte le fasi di volo, migliorando così in maniera significativa e sostenibile la sicurezza e l'efficienza del volo nel continente africano.

Previsti dal 2022, questi servizi permetteranno di aumentare la precisione del posizionamento fornita dalle attuali costellazioni satellitari per navigazione, come il GPS e Galileo. Il nuovo sistema migliorerà la precisione entro un metro, aumentando nel contempo l'integrità, la disponibilità e la continuità delle applicazioni di sicurezza. L’aeronautica, ma anche altri settori come il trasporto terrestre, marittimo e ferroviario beneficeranno di questi servizi, in un contesto post-Covid-19 in evoluzione, sostenendo al contempo la sicurezza degli utenti, l'efficacia in termini di costi e lo sviluppo sostenibile. Al di là della definizione dell’architettura del sistema a supporto dei servizi SBAS, lo studio fornirà agli stati membri dell'ASECNA una visione più chiara dello sviluppo, del dispiegamento e  del funzionamento dei loro servizi "SBAS per l'Africa e l'Oceano Indiano".

Questo studio è stato condotto da ASECNA e Thales Alenia Space, con finanziamenti dell'Unione Europea, nell'ambito dell’ ambizioso programma per lo sviluppo del settore aeronautico in Africa. La conclusione è prevista entro la fine dell'anno e include anche la fornitura di un servizio pre-operativo, dimostrazioni sull’utilizzo del servizio con le compagnie aeree partner. Thales Alenia Space ha completato le attività di collaudo e accettazione del dimostratore, che sarà successivamente utilizzato nei vari siti.