Print

Un accordo di collaborazione tra Intesa Sanpaolo e Unione Industriali Napoli, che prevede specifici vantaggi per gli iscritti all’Associazione di Palazzo Partanna, nel quadro di ‘Motore Italia’, il nuovo programma strategico di finanziamenti e iniziative del Gruppo bancario

per consentire alle piccole e medie imprese italiane di superare la crisi pandemica e rilanciarsi attraverso progetti di sviluppo e di crescita. Lo hanno firmato Giuseppe Nargi, Direttore Regionale Campania, Calabria e Sicilia di Intesa Sanpaolo, e Maurizio Manfellotto, Presidente di Unione Industriali Napoli. Tra le tantissime opzioni previste da Motore Italia figurano: interventi di patrimonializzazione per potenziare la stabilità finanziaria delle Pmi; rifinanziamenti fino a 15 anni per gli investimenti a medio-lungo termine; soluzioni per rafforzare la liquidità con finanziamenti fino a 72 mesi; sostegni differenziati e articolati per la transizione digitale e quella sostenibile; supporto alla crescita con prodotti tradizionali di finanza straordinaria o con bond a garanzia pubblica, con la possibilità di ricorrere a una consulenza specialistica con desk diversificati per settore economico. L’accordo con Unione Industriali Napoli consentirà inoltre di consolidare e qualificare ulteriormente le relazioni con le aziende attraverso la piattaforma informatica ‘Dialogo Industriale’, che renderà possibile analizzare il modello di business aziendale, il posizionamento finanziario e industriale, nonché la condivisione con l’imprenditore di progetti strategici. Un altro importante valore aggiunto assicurato dall’accordo di collaborazione, in via di concreta definizione, sarà la realizzazione di un percorso formativo per gli associati, da sviluppare entro l’anno in corso, incentrato sulla finanza d’impresa. L’obiettivo è di fornire alle aziende gli strumenti per la gestione del presente, la pianificazione del futuro, la comunicazione efficace con il sistema creditizio, l’ottimizzazione delle fonti finanziarie.