CCIR

Il Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Pavia, insieme a Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, Associazione Italiana Revisori Contabili, Associazione Italiana per la Direzione del Personale e Refinitiv ha ospitato,

il 12 novembre 2019, il Premio al Report di Sostenibilità.

Alla cerimonia di premiazione, svoltasi presso l’Aula Magna dell’Ateneo pavese, sono intervenuti come keynote speaker il professor Ken Merchant della University of Southern California e Sara Lovisolo Group Sustainability Manager di BorsaItaliana.

L’evento Premio al Report di Sostenibilità è nato dall’idea di riconoscere l’impegno e premiare le aziende italiane sulla base delle loro dichiarazioni non finanziarie o, più in generale, della reportistica di sostenibilità.

L’importanza delle dichiarazioni non finanziarie nasce dall’esigenza di trasmettere a diversi gruppi di stakeholders informazioni relative a temi di carattere non finanziario, come, per esempio, temi ambientali, sociali e di governance aziendale.

L’evento ha avuto come obiettivo la diffusione la cultura della rendicontazione di performance non finanziarie per la promozione di azioni sostenibili, allargando la platea delle imprese che danno accesso a informazioni di natura non finanziaria. Ha voluto anche contribuire alla divulgazione di principi, elementi e concetti fondamentali che possano rappresentare gli standard di riferimento legati alla comunicazione non finanziaria per consolidare una cultura d’impresa sostenibile.

Il Premio è stato diviso in tre differenti categorie per ognuna delle quali sono state selezionate cinque aziende d’eccellenza.

Per la categoria di Aziende di piccole e medie dimensioni le finaliste sono state: CNS, DECO, Humana, Novamont e Social Techno.

La vincitrice è stata Humana, con la seguente motivazione “il report di Humana si è distinto per un elevato orientamento ai temi rilevanti e un forte approccio quantitativo”.

Per la categoria di Aziende di medio-grandi dimensioni le finaliste sono state: Banco Desio, CAP, ENAV, Ferragamo, e GSE.

Il premio è andato a ENAV, con la seguente motivazione “il report di ENAV presenta un ottimo bilanciamento dei criteri analizzati e, in particolare, dimostra un forte orientamento strategico e un solido approccio quantitativo”.

Per la categoria di Aziende di grandi dimensioni le finaliste sono state: ASTM, Benetton, ENI, Saipem, e TIM.

ENI si è aggiudicata la vittoria con la seguente motivazione della giuria “il report di ENI presenta uno spiccato orientamento strategico e un elevato focus sui temi rilevanti”.