CCIR

Quando nel 2016 il Polo del ‘900 apre per la prima volta le porte al pubblico, l’obiettivo principale del progetto era offrire alla città di Torino, ai suoi abitanti e a chi vi si recava per visitarla, uno spazio unico e nuovo nel suo genere, che soddisfacesse fabbisogni di intrattenimento,

approfondimento, studio e ricerca sui temi del Novecento e sul presente. Con attività dedicate a differenti tipologie di pubblico: bambini, studenti, insegnanti, ricercatori, cittadini, turisti e curiosi e l’offerta di un sistema documentario organizzato e fruibile, integrato con le realtà analoghe presenti sul territorio.

Oggi, il Polo del ‘900 è quella creatura immaginata quattro anni fa. Un centro culturale aperto alla cittadinanza e all’innovazione, che si nutre dell’esperienza, dei patrimoni archivistici e delle competenze di 22 Enti partner, specializzati in storia del Novecento. Uno spazio multifunzionale, dall’offerta culturale ibrida, comunitaria e transdisciplinare che mette in connessione la storia del secolo scorso con i grandi temi d’attualità, per la costruzione di una cittadinanza attiva e consapevole.

La misura effettiva del valore del Polo del ‘900 su comunità e territorio, è resa disponibile attraverso il Bilancio sociale 2017/2019, presentato in anteprima il 15 luglio 2020.

Fotografia della fase d’avvio e di sviluppo del Polo, il bilancio sociale rende conto della visione strategica e degli obiettivi raggiunti, rispetto alle aspirazioni originarie.

Racconta i risultati conseguiti, in riferimento a specifiche aree di innovazione: modello di governance; collaborazione e integrazione fra Polo e Enti Partner; uso degli spazi; coinvolgimento pubblici; valorizzazione dei patrimoni e gestione economica.

Inoltre, il percorso di crescita del Polo del ‘900, superando la dimensione locale, è messo in relazione agli obiettivi globali dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

I risultati del bilancio sociale mostrano una evidente crescita del valore quantitativo e qualitativo del Polo del ‘900 negli ultimi tre anni.