Il Time stila la propria classifica dei personaggi internazionali più influenti e Mario Dragi, per la terza volta, è nella Top 100. Janet Yellen spiega le ragioni dell'inclusione: "Gli Stati Uniti sono grati di avere Mario di nuovo come partner", scrive la segretario al Tesoro americana

ed ex capo della Fed tracciando il breve profilo del presidente del Consiglio. Draghi è tra i venti leader globali selezionati quest'anno da Time che includono, tra gli altri, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il suo predecessore Donald Trump. La Yellen va indietro al celebre messaggio del luglio 2012, quando dalla Lancaster House di Londra Draghi proclamò che la Bce "era pronta a tutto" per salvare l'Euro: il famoso 'whatever it takes'. "Draghi e la Bce aiutarono a stabilizzare l'economia europea. All'epoca ero alla Fed e fui particolarmente grata di avere un partner come Mario dall'altro lato dell'Atlantico, qualcuno con grande esperienza e nervi saldi", osserva la Yellen. Ora alla testa del governo italiano Draghi "guida il Paese attraverso la pandemia con mano abile, difendendo una rapida campagna vaccinale e misure di ristoro per imprese e lavoratori". Sostenuto da un vasto stanziamento di fondi Ue, il premier italiano "ha messo in moto politiche necessarie e politicamente difficili per rendere più verde l'economia, ridurre le diseguaglianze e avanzare con la digitalizzazione". Un accenno anche alla presidenza di turno del G20 per mettere assieme le maggiori economie mondiali: "Sono passati nove anni da quel famoso discorso, ma l'approccio di Mario di fare tutto il possibile è più rilevante e stimolante che mai", scrive la Yellen.