CCIR

ABB, con la collaborazione tecnologica di Keppel O&M, Keppel Marine e Deepwater Technology (KMDTech), svilupperà la tecnologia per le navi autonome ed equipaggerà un rimorchiatore portuale di 32 metri con soluzioni digitali all'avanguardia,

consentendo operazioni autonome nel porto di Singapore alla fine del 2020. Al completamento del progetto, si prevede che la nave sarà il primo rimorchiatore autonomo dell'Asia meridionale.

Durante la fase iniziale del progetto, la nave, gestita dalla società di joint venture Keppel Smit Towage di Keppel Offshore & Marine, completerà una serie di compiti di navigazione in un'area di test designata nel porto di Singapore, diretta da un centro di controllo a terra. La seconda fase del progetto vedrà la nave svolgere compiti autonomi di prevenzione delle collisioni sotto controllo remoto.

Con questo progetto, ABB compie il passo avanti verso la navigazione autonoma, basandosi sulle intuizioni acquisite dalla rivoluzionaria sperimentazione del traghetto passeggeri telecomandato Suomenlinna II, condotto nel porto di Helsinki nel novembre 2018. Il porto di Singapore, che richiama ogni anno oltre 130.000 navi, ha modelli di navigazione esponenzialmente più densi, che aggiungeranno un ulteriore livello di complessità ai test.

I test mirano a convalidare la maggiore sicurezza ed efficienza delle operazioni di rimorchio utilizzando soluzioni digitali che sono già disponibili oggi per quasi ogni tipo di nave. Parte integrante della sperimentazione sarà il portafoglio di soluzioni ABB Ability™ Marine Pilot, che consentirà il ciclo di "sensing decide-act" necessario per qualsiasi forma di autonomia. ABB Ability™ Marine Pilot Vision fornirà il sensor fusion per generare la consapevolezza situazionale digitale mentre ABB Ability™ Marine Pilot Control eseguirà i necessari comandi temporanei per le manovre portuali.

Le operazioni di rimorchio, durante le quali un rimorchiatore manovra altre navi spingendole o rimorchiandole, spesso in porti affollati possono essere impegnative. Inoltre, a volte, i rimorchiatori devono fare lunghi transiti per arrivare a destinazione. L'esecuzione del transito in modo autonomo e sotto supervisione remota consentirebbe all'equipaggio di bordo di riposare, per rimanere pronti per l’effettivo lavoro del rimorchiatore.

KMDTech lavorerà con l'Autorità portuale marittima di Singapore (MPA) e il Technology Center for Offshore and Marine, Singapore (TCOMS) per sviluppare varie tecnologie ed essere il system integrator per le soluzioni autonome. American Bureau of Shipping (ABS) fornirà l'approvazione in linea di principio per le nuove funzionalità come il controllo della navigazione remota e il sistema di controllo autonomo.