Axiante, Business Innovation Integrator continua a investire in competenze e tecnologie a supporto dei Chief Information Officer (Cio) e ha annunciato la creazione di una nuova Business Unit, Integra, pensata per supportare le organizzazioni nella definizione di una chiara

data strategy, aiutando il team business e il team IT a dialogare tra loro. Il business è chiamato a focalizzare la propria attenzione sull’analisi del mercato e a pianificare una strategia efficace per migliorare la redditività dell’azienda. L’IT deve procedere a un assessment tecnico, con l’analisi delle applicazioni in uso e la mappatura dei dati tra on premise e cloud, pubblico e privato. Facendo squadra con entrambi i team, Axiante è in grado di aiutare l’organizzazione a strutturare un piano operativo e ad accompagnarne l’esecuzione per interventi progressivi. Questo approccio elastico, pensato per adattarsi all’agilità della trasformazione digitale, consente di superare la complessità determinata dalla distribuzione di applicazioni e dati grazie alle frequenti fasi di testing. Le difficoltà della migrazione da un ambiente all’altro vengono, infatti, affrontate in modo graduale, verificando a ogni step il funzionamento delle soluzioni proposte e valutandone i risultati immediati. Axiante ha una lunga esperienza in servizi consulenziali che supportano i CIO nell’affrontare la crescita delle complessità tecnologiche e l’aumento delle richieste provenienti dalle linee di business. Tocca infatti al CIO scegliere su quali tecnologie focalizzarsi e a quali soluzioni dare priorità, tenendo in considerazione la sicurezza del dato, la necessità di ottimizzare i costi e l’urgenza di avere sotto controllo il flusso dei dati, per far fronte alle esigenze informative del business e intervenire velocemente in risposta a nuovi bisogni. Nel suo ruolo di Business Innovation Integrator, Axiante aiuta le organizzazioni ad adattarsi alla nuova dimensione dell’hybrid cloud, coniugando vecchie e nuove tecnologie. La pianificazione tecnica e funzionale permette una migliore realizzazione della data strategy nella gestione dei dati, trovando la giusta via di mezzo tra la necessità di minimizzare i rischi e l’obiettivo di promuovere nuove opportunità di business. Nel supportare le aziende nei progetti di migrazione verso l’hybrid cloud e di integrazione delle applicazioni, Axiante mette a disposizione un bagaglio di competenze completo e suggerisce le soluzioni tecnologiche migliori per tenere sotto controllo tutte le informazioni. In particolare, offre un aiuto concreto nella scelta di una moderna piattaforma cloud di integrazione dei dati, suggerendo i migliori applicativi di integration Platform as a Service (iPaaS). Quelli, cioè, che garantiscono un’ottima data ingestion, riducendo al minimo l’intervento umano, permettono la connessione a diverse applicazioni e fonti dati e sono dotati di API, funzionalità B2B e buone caratteristiche di latenza e self-service. “Le aziende devono essere indipendenti nella gestione dei propri applicativi, in modo da poter intervenire rapidamente nel momento in cui dovesse insorgere un problema”, spiega Dario Valsecchi, Senior Consultant di Axiante. “Per questa ragione, Axiante mette a disposizione delle aziende la propria expertise e opera per affiancare all’attuazione di ogni fase del progetto un momento di knowledge transfer, con l’obiettivo di ampliare le conoscenze dell’organizzazione in ottica strategica, grazie alla condivisione tra business e mondo IT. Lavoriamo in squadra con CIO e business line, in una logica di miglioramento continuo”.