Stampa

Eni e i suoi partners nel New Gas Consortium (Ngc), la filiale di Chevron in Angola Cabinda Gulf Oil Company Limited (Cabgoc), Sonangol P&p, bp e TotalEnergies, con l’Agenzia angolana per il Petrolio, il Gas e i Biocarburanti Anpg, annunciano che il Consorzio

ha preso la Decisione Finale di Investimento (Fid) per lo sviluppo dei campi Quiluma e Maboqueiro (Q&m). Si tratta del primo progetto di sviluppo di gas non associato in Angola. Il progetto comprende due piattaforme offshore, un impianto di trattamento del gas a terra e un collegamento all'impianto di Angola Lng per la commercializzazione di condensati e gas tramite carichi di Gnl. Le attività di esecuzione del progetto inizieranno nel 2022, con l’avvio della produzione pianificato nel 2026 e una produzione prevista di 330 milioni di piedi cubi/giorno al plateau (circa 4 miliardi di metri cubi/anno). L'approvazione del progetto Q&m è una tappa importante verso l’accesso a nuove fonti di energia ad oggi non sviluppate; assicurerà forniture affidabili di gas per l’impianto di Angola Lng e continuerà a promuovere lo sviluppo socio-economico dell'Angola. Il supporto fornito dal Ministero delle Risorse Minerarie, del Petrolio e Gas dell'Angola, nonché da tutti i Ministeri e dalla Concessionaria nazionale Anpg, è stato essenziale per avviare questa nuova fase di sviluppo del gas offshore angolano. A questo proposito, l'istituzione di un regime legale e fiscale applicabile alle attività upstream e alla vendita di gas naturale in Angola è stato un fattore chiave per il progetto. I partner del New Gas Consortium comprendono Eni (25,6%, Operatore), la consociata Chevron Cabgoc (31%), Sonangol P&p (19,8%), bp (11,8%) e TotalEnergies (11,8%). Eni detiene una partecipazione del 13,6% in Angola Lng, insieme alla consociata Chevron Cabgoc (36,4%), Sonangol (22,8%), bp (13,6%) e TotalEnergies (13,6%). L'impianto si trova a Soyo, nella provincia di Zaire; ha una capacità di trattamento di circa 353 bcf all'anno di gas e una capacità di liquefazione di 5,2 milioni di tonnellate all'anno di GNL. Eni è presente in Angola dal 1980. Attualmente la società opera nei Blocchi 15/06, Cabinda Norte, Cabinda Centro, 1/14, 28 e ha inoltre partecipazioni non operate nei Blocchi 0 (Cabinda), 3/05, 3/05A, 14, 14 K/A-Imi e 15. Nel marzo 2022 Eni ha firmato un accordo con bp per la costituzione di una joint venture denominata Azule Energy, che unisce le attività di entrambe le società in Angola. L'operatorship del progetto Q&m sarà garantita da Azule Energy dopo la data di completamento della transazione.