CCIR

Sempre più persone e organizzazioni scelgono di diventare socie di Banca Etica per partecipare a uno dei più innovativi e consolidati progetti di democrazia finanziaria made in Italy e per poter

accedere a tutti i servizi di finanza etica a condizioni vantaggiose. Dal 5 giugno 2019 è nuovamente possibile acquistare (e vendere) le azioni di Banca Etica al nuovo prezzo complessivo di 59 euro ciascuna (52,50 di valore nominale + 6,50 di sovrapprezzo di emissione).

La proposta di incrementare il sovrapprezzo di ulteriori euro 1,50 per azione è stata avanzata dal Consiglio di Amministrazione di Banca Etica ed è stata approvata il 18 maggio dall’Assemblea dei soci e delle socie che ha stabilito anche che la Banca riacquisti le azioni proprie al prezzo corrispondente al valore nominale maggiorato del sovrapprezzo.

Con il nuovo aumento del sovrapprezzo le azioni di Banca Etica registrano complessivamente un +12,3% di incremento del valore rispetto all’attuale nominale determinato nel 2007. 

 “Il capitale sociale è la misura della nostra solidità, indipendenza e capacità di dare credito a persone, imprese e organizzazioni che costruiscono un’economia più giusta e sostenibile: per questo invitiamo chi è già nostro cliente e chi pensa di diventarlo a scegliere la finanza etica attraverso i nostri prodotti e servizi per il risparmio, gli investimenti, la previdenza e il credito, ma anche e soprattutto acquistando le azioni di Banca Etica. diventare soci non è solo un investimento finanziario, ma significa partecipare alla nostra base sociale, esprimere il proprio voto, entrare in contatto con tante altre persone e organizzazioni che fanno economia etica in Italia e in Spagna”, dice la presidente di Banca Etica, Anna Fasano.

Come si è stabilito il valore del sovrapprezzo.  Nei mesi scorsi il CdA di Banca Etica ha deliberato di adottare una metodologia di valutazione del valore delle azioni basata sul Free Cash Flow to Equity Model (FCFE), riconsiderato con stima dell’Excess Capital, in base alla quale effettuare una periodica valutazione del valore delle azioni della Banca, in corrispondenza delle scadenze del ciclo di pianificazione industriale. Tenendo conto di quanto risultato dalla “prima adozione” di tale metodologia e delle ulteriori considerazioni prudenziali in ordine alla stabilità del valore delle azioni della Banca nel medio termine, alla continuità con le scelte operate in precedenza e alla sostenibilità degli impatti patrimoniali, il CdA e l’Assemblea hanno approvato l’aumento del sovrapprezzo per ulteriori 1,50 euro per azione.

L'offerta di azioni Banca Etica è esente dalla pubblicazione del prospetto informativo ai sensi dell'art. 34ter lett. c) del Regolamento Emittenti CONSOB poiché annualmente inferiore ad otto milioni di euro. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.