CCIR

In occasione dell’Insurance Day 2019 di Accenture si è parlato dell’andamento del mercato assicurativo. Il settore si conferma in forte cambiamento: secondo lo studio globale e cross-settore “Accenture Disruptability Index”, l’Insurance è, tra i 18 mercati analizzati,

una delle Industry più esposte al rischio di disruption nel prossimo futuro. In questo contesto, è la sostenibilità il key driver su cui le compagnie devono puntare per incrementare l’innovazione e accrescere la rilevanza del business.

Viviamo in un’era in cui essere digitali è fondamentale, tuttavia il digitale da solo non è più un elemento di differenziazione per le Compagnie. La sostenibilità è il nuovo paradigma per rimanere competitivi nel lungo periodo. Nei prossimi 5 anni, infatti, tutti gli investitori determineranno il valore di un’azienda analizzandone l’impatto sulla società e sull’ambiente” ha commentato Daniele Presutti, Senior Managing Director di Accenture, Responsabile Insurance per l’Italia.

Il cambiamento del mondo assicurativo è guidato dalle nuove abitudini e stili di vita dei clienti: il 71% dei consumatori italiani compra beni e servizi dalle aziende che riflettono i propri valori e convincimenti personali e l’83% reclama trasparenza su prodotti e servizi, condizioni di lavoro e sul proprio contributo in termini di sostenibilità. Le aziende ne sono consapevoli e riconoscono che devono costruire una relazione solida con i propri clienti: il 76% delle imprese nel mondo ritiene che la fiducia dei consumatori sia il fattore critico di successo per i prossimi 5 anni. Per essere rilevanti, inoltre, le compagnie assicurative devono gestire il proprio business con un approccio sostenibile e operare all’interno della comunità con un ruolo primario nel percorso di crescita e valorizzazione del territorio e delle persone: ne concorda la totalità dei leader aziendali, secondo lo studio globale ‘The Decade to Deliver: A Call to Business Action’, realizzato da Accenture Strategy e da United Nations Global Compact.

Guardando ai numeri del mercato assicurativo italiano, si assiste ad una fase moderatamente espansiva (+3.2% nel 2018) dopo la flessione del 2017 pari a -2,5%, con una crescita maggiore rispetto alla media europea (+2,6% CAGR 2013 /2018 in Italia vs -0,9 CAGR 2013/ 2018 in Europa). Si prevede che nel 2019 il business assicurativo complessivo continuerà la sua fase moderatamente espansiva, in linea con la crescita dell’anno precedente (+3,2% nel 2018, ROE medio del 6,9, combined ratio 2018 del 90,2%)