CCIR

Ammonta a 21,2 milioni di euro la somma che la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca destinerà agli interventi istituzionali dell’anno 2020. È questo, in estrema sintesi, il dato che emerge dal Documento programmatico-previsionale 2020,

licenziato ieri pomeriggio dall’assemblea dei soci - chiamata come da statuto ad esprimere un parere consultivo – e definitivamente approvato questa mattina dall’Organo di Indirizzo.

La somma complessiva delle erogazioni fa pendant con la gestione positiva fatta registrare dalla Fondazione anche in termini di investimenti finanziari. E ciò, nonostante il perdurare della crisi economica che, ormai da anni, comprime i rendimenti degli investimenti finanziari.

Una gestione improntata ad una serie di capisaldi fondamentali: la solidità del patrimonio, conservato e tutelato a favore delle generazioni future; la sostenibilità degli interventi annuali e di quelli pluriennali, oggi volutamente limitati alla durata dei mandati degli organi deliberanti, quindi non oltre il 2021.

Terzo caposaldo a cui si ispira la gestione della Fondazione Crl è la sussidiarietà, intesa come modalità di intervento finalizzata ad affiancare e sostenere le politiche pubbliche senza sostituirsi agli enti competenti.

La Fondazione opera secondo modelli diffusi nell’intero sistema delle Fondazioni di origine bancaria: operating diretto ed indiretto, granting e mission related investment.