SICIT ha rafforzato la sua partnership con Bayer, con riferimento a due prodotti per il mercato globale: AmbitionTM e BayfolanTM Cobre. I due marchi, attualmente distribuiti, rispettivamente, in Brasile e in India, saranno presto introdotti,

conclusa la fase di registrazione, anche in Asia (Cina) e negli altri paesi latinoamericani.

La collaborazione tra le due aziende si rinforza ulteriormente, dopo la firma dell’accordo di distribuzione esclusiva del luglio 2017, che ha garantito a Bayer la distribuzione mondiale di BayfolanTM Cobre e BayfolanTM Aktivator ad uso fogliare per varie colture; oltre che lo sviluppo di formulazioni basate su alcune note tecnologie di SICIT nel trattamento di amminoacidi e peptidi di origine animale.

"I biostimolanti rafforzano il nostro portfolio di prodotti per la protezione delle colture: essi sono uno strumento complementare nel nostro programma integrato di gestione delle colture che aiuta gli agricoltori, in tutto il mondo, a migliorare le rese e la qualità delle loro produzioni, in modo sostenibile", ha dichiarato Hartmut van Lengerich, capo della divisione Crop Protection in Crop Science, una divisione di Bayer.

I raccolti soffrono a causa di un ampio range di stress: soluzioni come AmbitionTM e BayfolanTM Cobre stimolano la crescita delle piante a migliorano le loro difese naturali nei confronti di questi stress.

"Il rafforzamento della collaborazione con Bayer rappresenta il riconoscimento della qualità del lavoro fatto da SICIT e ci permetterà di rafforzare ulteriormente la nostra presenza sui mercati internazionali”, ha dichiarato Oreste Odelli, Amministratore con la delega alle attività commerciali di SICIT. “Siamo stati tra i primi al mondo ad introdurre, negli anni ’60, biostimolanti per l’agricoltura basati sugli amminoacidi e i peptidi, e ancora oggi forniamo soluzioni innovative che rendono l’attività agricola sempre più sostenibile”.

I biostimolanti basati su amminoacidi e peptidi di origine animale sono sempre più impiegati in agricoltura e in orticoltura, e sono al centro del crescente interesse mondiale poiché consentono una produzione sostenibile e compatibile con le esigenze ambientali. In particolare, essi combattono i c.d. stress abiotici, migliorano la qualità e la resa delle colture e promuovono il rinnovamento della microflora dei terreni: per queste ragioni, i prodotti contenenti amminoacidi possono essere utilizzati nell’agricoltura organica in Europa, America Latina e Asia.

Attualmente SICIT sta completando la business combination con la SPAC (Special Purpose Acquisition Company) SprintItaly: un’operazione da 100 milioni di euro che consentirà di accelerare il piano di sviluppo strategico in Italia e all’estero, potenziare gli stabilimenti esistenti di Arzignano e Chiampo, il laboratorio di R&D e costruire un nuovo impianto di produzione in Sud America. Al termine del processo SICIT risulterà quotata sul mercato AIM Italia e, quanto prima, al MTA.