NTC Srl, azienda italiana impegnata nella ricerca e sviluppo di nuovi trattamenti antibiotici e antisepsi, ha annunciato l'acquisizione della licenza e del know-how per la produzione e la

commercializzazione dei prodotti basati sulla tecnologia TiAb e SIAB da NMTech UK, azienda inglese specializzata nello sviluppo di dispositivi medici con proprietà di barriera per le lesioni della cute e delle mucose. Con questo accordo NTC intende sviluppare nuovi trattamenti con tecnologie TiAb e SIAB in diverse aree terapeutiche, tra cui ginecologia, dermatologia e oftalmologia.

TiAb e SIAB sono due complessi a base di argento, costituiti da una microparticella veicolante un “core” in biossido di titanio o silicio, progettati per migliorare l'attività antisettica naturale delle nanoparticelle d'argento. L'argento ha proprietà antimicrobiche e il suo uso come agente antinfettivo risale ai tempi antichi.

“Siamo molto soddisfatti di questo accordo con NMTech UK che ci apre a ulteriori e importanti opportunità”, afferma Riccardo Carbucicchio, CEO e Presidente di NTC. “Siamo fortemente impegnati a ridurre lo sviluppo dell’antibiotico-resistenza e per questo motivo nello sviluppo di nuovi farmaci antibatterici. Conosciamo e apprezziamo questi prodotti che vendiamo da anni con successo in alcuni paesi. Recenti evidenze sul loro potenziale ci hanno spinto a iniziare uno sviluppo oftalmico e sviluppare nuove formulazioni ginecologiche e dermatologiche. Da qui la volontà di continuare a scrivere la storia dei TiAb e SIAB e a esplorare nuove strade”.

Questa acquisizione rafforza il forte impegno di NTC a condurre ampi programmi di sviluppo per offrire ai medici e ai pazienti prodotti antibatterici innovativi.

Attualmente, le tecnologie TiAb e SIAB sono applicate in dermatologia per il trattamento dell’acne, per la guarigione delle lesioni cutanee, in ginecologia per le lesioni micotiche e virali vulvo-vaginali. I prodotti basati su questa tecnologia sono caratterizzati da un forte effetto barriera e possono avere molte potenziali indicazioni terapeutiche aggiuntive.