CCIR

Alitalia ha comunicato alla Regione Sardegna la propria volontà di accettare gli oneri di servizio pubblico per volare sulle due rotte Olbia-Roma Fiumicino, e viceversa, e Olbia-Milano Linate, e viceversa, senza compensazione finanziaria dal prossimo 17 aprile.

La decisione, coerente con quello spirito di servizio che da sempre contraddistingue Alitalia, è stata presa per onorare gli impegni e tutelare migliaia di passeggeri (54mila, di cui oltre 6mila provenienti dall’estero) che hanno già prenotato voli Alitalia con arrivo e partenza su Olbia. Un numero di viaggiatori molto rilevante per l’economia della Sardegna, in particolare per quanto riguarda i flussi del turismo internazionale. Alitalia ha poi avviato numerosi contatti con i principali operatori turistici della regione per promuovere la destinazione di Olbia attraverso una serie di attività congiunte sui mercati esteri di maggiore interesse.

La decisione, presa dopo una lunga e approfondita analisi, riflette anche la necessità di non disperdere gli investimenti nell’organizzazione del proprio network e nella promozione delle rotte per Olbia. Risorse impiegate fin dallo scorso gennaio quando Alitalia ha ricevuto l’assegnazione provvisoria delle rotte e ha cominciato a vendere i biglietti. In sostanza, la decisione di non operare i collegamenti in continuità territoriale su Olbia, tra l’altro così a ridosso della data di avvio dei voli, comporterebbe conseguenze economiche peggiori rispetto al volare da e per Olbia senza compensazione.

Ai costi già sostenuti per la distribuzione dei voli sui sistemi, per la forza commerciale sul campo, per il marketing e la comunicazione, per l’assistenza in aeroporto - tutte attività già in fase avanzata di definizione e di implementazione - si dovrebbero aggiungere poi ulteriori costi per rimborsare o riprenotare su altri voli i passeggeri che hanno già acquistato un biglietto, oltre che per la riorganizzazione dei voli e dei turni degli equipaggi. Nell’analisi sono state prese in considerazione anche le performance economiche - sicuramente non positive - degli eventuali collegamenti alternativi a quelli da e per Olbia.

Alitalia auspica che, una volta conclusa la verifica della Regione sui requisiti della propria proposta, sia convocato un tavolo tecnico con la Regione e con Air Italy (come previsto dal Decreto sulla continuità territoriale) per analizzare lo scenario che si è venuto a delineare e per condividere regole precise relative alle modalità di gestione dei voli su Olbia operati dalle due compagnie in continuità territoriale.

L’obiettivo di Alitalia è e rimane quello di garantire ai passeggeri sardi il diritto alla mobilità e di assicurare ai turisti e a tutti gli altri viaggiatori il miglior servizio possibile da e per la Sardegna.